|
napoli 2
24 giugno 2021, Aggiornato alle 19,22
intersped 2

Informazioni MarittimeInformazioni Marittime

unitraco2
Logistica

Salerno, rotabili a +6.6% nel 2020. De Rosa: "Risultato insperato"

Per l'amministratore delegato di SMET «la ripresa è in atto. Le mega navi da 500 trailer sono una svolta epocale»

Domenico De Rosa, amministratore delegato di SMET

A chiusura dell'esercizio 2020 per il sistema portuale della Campania, dal porto di Salerno arrivano incoraggianti segnali di crescita del traffico ro-ro. Nonostante l'emergenza sanitaria e il lockdown, l'anno scorso il segmento ha registrato un trend decisamente positivo, con una crescita pari al 6,61 per cento in termini di mezzi movimentati, rispetto al 2019: alla fine del mese di dicembre sono state infatti movimentate 8,800.779 unità tra mezzi pesanti e automobili (8,254.965 unità nel 2019).

Domenico De Rosa, amministratore delegato del Gruppo salernitano SMET, fondato a Salerno 70 anni fa e oggi operatore logistico intermodale leader a livello europeo, commenta i dati dello scalo campano. «Siamo di fronte ad un risultato che, nel pieno dell'emergenza sanitaria e del forte calo dei trasporti a essa collegato, nessuno avrebbe osato sperare. La ripresa del settore è in atto, le mega navi di nuova generazione da 500 trailer sono una svolta epocale nel trasporto marittimo, l'intermodalità è sempre più strategica in un contesto di economia 4.0, grazie alle sue caratteristiche di efficienza e sostenibilità». 

«In questo scenario – conclude - gli interventi strutturali diventano sempre più urgenti, sia per il porto di Salerno che per gli altri porti affacciati sul Tirreno. Mi riferisco in particolare ai dragaggi che metteranno i nostri scali nella condizione di accogliere e distribuire ricchezza, ospitando le nuove mega navi dedicate al trasporto ro-ro».

Tag: smet - salerno