|
Porto di Napoli
20 novembre 2018, Aggiornato alle 17,16
intersped

Informazioni MarittimeInformazioni Marittime

Armatori - Infrastrutture

Salerno, Maersk lancia linea verso Canada

Partenza il 2 luglio con toccate in Francia, Spagna e capolinea a Montreal. In Nord America aumentano gli scambi commerciali


A pochi giorni dal ripristino di un servizio simile di Hapag Lloyd, Maersk Line lancia una nuova linea tra Mediterraneo e Canada con toccate nei porti italiani di Salerno e La Spezia. Si parte il 2 luglio dallo scalo campano per un collegamento settimanale servito da cinque navi con la seguente rotazione: Salerno, La Spezia, Fos-sur-Mer (Francia), Algeciras (Spagna), Montreal e Halifax (Canada), Valencia. Maersk da Salerno collega anche America Latina e Nord Europa.

L'Unione Europea è il secondo partner commerciale del Canada, dopo gli Stati Uniti, e nel 2016 ha rappresentato il 9,6 per cento del commercio internazionale, mentre per l'Ue il Canada rappresenta quasi il 2 per cento del commercio estero. Il valore degli scambi tra Ue e Canada nel 2016 è stato di 64,3 miliardi di euro.

«Con l'accordo in vigore per alimentare le importazioni e le esportazioni canadesi nell'Atlantico e un altro per il Pacifico, il momento è favorevole per espandere i nostri servizi in Canada e consentire ai nostri clienti di raggiungere nuovi mercati in Europa e in Asia», spiega Jack Mahoney, presidente di Maersk Line Canada, riferendosi ai vari accordi commerciali in cui rientra un servizio marittimo come questo: quello interno al Canada (Atlantic Trade and Investment Growth Strategy); quello negoziato tra 12 Stati pacifici, il Parteneriato Trans-Pacifico (Trans-Pacific Partnership); quello tra Canada e Unione europea (CETA) e infine quello tra Canada, Australia e alcuni Paesi del Sud America (CPTPP). 

L'anno scorso le importazioni e le esportazioni canadesi sono cresciute del 6,9 per cento. Per il 2018 Maersk prevede una crescita del 7 per cento dei volumi di container marittimi spinti dagli accordi CETA e CPTPP. Maersk si aspetta un altro anno di crescita robusta anche  nelle importazioni in Medio Oriente, India, Pakistan ed Estremo Oriente, che sono cresciute di oltre il 9 per cento nel 2017 sulla costa orientale del Canada.

Lo scalo di Montreal è gateway strategico, ben posizionato per servire i consumatori nelle province dell'Ontario e del Quebec, dove risiedono i due terzi della popolazione canadese. «Il porto di Montreal serve queste due regioni via ferrovia, oltre che lungo larete stradale. Il 49 per cento delle merci scaricate a Montreal va in Quebec e il 29 per cento in Ontario. Il porto, quindi, svolge un ruolo chiave nell'incrementare il commercio canadese ed è un perfetto partner per importatori ed esportatori che cercano migliori soluzioni di trasporto con il Canada», ha affermato Sylvie Vachon, presidente e amministratore delegato dell'Autorità portuale di Montreal.