|
napoli 2
06 agosto 2020, Aggiornato alle 11,28
intersped 2

Informazioni MarittimeInformazioni Marittime

unitraco2
Armatori

Rotterdam World Gateway apre i battenti

Dopo l'inaugurazione di aprile, aperta anche la seconda metà del terminal container di Maasvlakte 2. È quasi del tutto automatizzato: movimenterà 4,5 milioni di teu l'anno con soli 180 dipendenti


2,8 chilometri di banchine e 54 gru ship-to-shore assistite da 62 mezzi di piazzale capaci di movimentare fino a 4,5 milioni di container l'anno. È il Rotterdam World Gateway (Rwg) di Dp World, nell'area dello scalo olandese chiamata Maasvlakte 2, che venerdì scorso ha completato e aperto anche la sua seconda metà (2,7 milioni di teu di movimentazione annua), dopo l'inaugurazione ufficiale del polo fatta da re Guglielmo Alessandro dei Paesi Bassi ad aprile scorso.

È uno dei più grandi terminal d'Europa, con un'estensione di 180 ettari, pari a 257 campi da calcio. La particolarità è un'altra, però. Si tratta di un terminal completamente automatizzato con pochi dipendenti a terra e tanto spazio alle macchine per sbarcare, imbarcare, stoccare, caricare e scaricare i container dalle navi. Un terminal «pulito, verde, sicuro, veloce e integrato» sintetizza il sultano Ahmed Bin Sulayem, presidente Dp World e proprietario del terminal insieme a quattro armatori internazionali. Tutta l'energia dovrebbe venire dalle pale eoliche del Mare del Nord. «Zero emissioni, con una produttività superiore al 40 per cento rispetto alla media degli altri terminal» ha spiegato Kim Fejfer, amministratore delegato di Apm Terminals, società dell'armatore danese Maersk Line.

L'alta automatizzazione si vede dal numero di impiegati, soltanto 180. Un terminal medio italiano che movimenta un quarto di Rwg ne impiega in genere mezzo migliaio.
Un'infrastruttura privata, ma talmente importante da vedere anche la partecipazione di risorse pubbliche. È costato quasi due miliardi di euro: 500 milioni da Apm Terminals dell'armatore danese Maersk Line e 900 milioni da finanziamenti europei. 
Rotterdam World Gateway è un consorzio formato dal terminalista di maggioranza Dp World (30%) e quattro armatori: il singaporiano Apl (20%), il giapponese Mitsui Osk Lines (20%), il sudcoreano Hyundai Merchant Marine (20%) e la francese Cma Cgm (10%).
 
Tutte le foto (via