|
napoli 2
18 settembre 2020, Aggiornato alle 12,01
intersped 2

Informazioni MarittimeInformazioni Marittime

unitraco2
Infrastrutture

Rina progetterà quattro porti del Kuwait

La prima commessa della neobattezzata Rina Consulting, ovvero la D'Appolonia acquisita sei anni fa


Rina Consulting, il nuovo nome della storica società ingegneristica D'Appolonia, si è aggiudicata un grosso contratto da 1,5 milioni di euro per lo sviluppo in Kuwait di tre porti già esistenti, Shuwaikh (foto), Doha e Shuaiba, più un altro ex novo. L'accordo è stato siglato dalla Kuwait Ports Authority la settimana scorsa e si conclude nel 2018, delineando un master plan per i prossimi trent'anni. Rina Consulting lavora già con il governo locale per svilupparne la portualità. Con questo contratto il valore complessivo della collaborazione con il governo mediorentale raggiunge i 6,5 milioni.

Per Rina Consulting è la prima commessa, che opererà con il know how di D'Appolonia, acquisita dal Rina nel 2011. In passato D'Appolonia aveva già progettato per il Kuwait il vessel traffic system e il search and rescue system. Manuela Sciutto, manager per i porti di Rina Consulting, spiega che «il punto di partenza è lo studio di fattibilità dello sviluppo e riprogettazione dei tre porti già esistenti. Lavoreremo per far previsioni sui traffici per i prossimi trent'anni, in modo da determinare l'eventuale impatto su questi progetti e ciò andrà a influire direttamente sulla sostenibilità del piano di sviluppo, andando ad esaminare anche il modello organizzativo della stessa Autorità portuale. Un elemento importante del piano sarà l'identificazione di siti adeguati per un potenziale quarto porto nel Sud del paese». Rina metterà a disposizione circa venti ingegneri, dislocati tra gli uffici di Genova e Kuwait.

L'economia del Kuwait è ancora ampiamente legata al petrolio, ma si sta delineando, per i prossimi anni, un notevole balzo in avanti nello sviluppo del paese. Il governo, infatti, ha individuato il potenziale economico legato alla costruzione di un porto aggiuntivo e all'efficientamento di quelli attualmente operativi. È previsto che tale piano, una volta portato a termine, diventi una pietra miliare nell'evoluzione commerciale del Kuwait, che oggi costituisce un'aera geograficamente strategica.