|
napoli 2
27 novembre 2021, Aggiornato alle 09,59
intersped 2

Informazioni MarittimeInformazioni Marittime

unitraco2
Armatori

Ricavi trimestrali stellari per Ap Moller Maersk

16,6 miliardi tra luglio e settembre, grazie a noli marittimi altissimi e a una domanda di trasporto poderosa, con le materie prime che scarseggiano. Acquisito lo spedizioniere tedesco Senator

(kees torn/Flickr)

16,6 miliardi di dollari. Non ci sono precedenti per Ap Moller - Maersk. Nell'ultimo bollettino trimestrale, quello tra luglio e settembre, l'armatore e gruppo logistico danese segna ricavi in crescita del 68 per cento, con un EBIT aumentare di quasi cinque volte a 5,9 miliardi e un EBITDA triplicato a 6,9 miliardi. Tutti questi ricavi sono principalmente il frutto dei noli marittimi, che nell'ultimo anno, con una progressione iniziata nella prima ripresa economica post-pandemia, sono arrivati a decuplicarsi rispetto ai livelli pre-covid. L'annuncio dell'ultima trimestrale arriva nel giorno dell'acquisizione di Senator International, società di spedizioni tedesca con sede ad Amburgo.

Per quanto riguarda le previsioni di fine anno, i profitti sono altissimi per un gruppo logistico e armatoriale, intorno ai 20 miliardi di dollari, con un flusso di cassa minimo di 14,5 miliardi. 

«Le attuali condizioni commerciali – si legge in una nota - sono ancora soggette a un'incertezza superiore al normale a causa della temporaneità dei modelli di domanda e per via delle interruzioni nelle catene di approvvigionamento, cosa che dovrebbe continuare almeno nel primo trimestre del 2022, determinando un EBITDA per il primo trimestre del 2022 in linea con il quarto trimestre del 2021». Il consiglio di amministrazione ha deciso di estendere l'attuale programma di riacquisto di azioni di ulteriori 5 miliardi di dollari negli anni 2024 e 2025.

I ricavi derivanti dal solo trasporto oceanico sono quasi raddoppiati a 13,1 miliardi. La quota dei contratti a lungo termine rappresenta ora più della metà, il 64 per cento, dei volumi a corto raggio, rispetto a un anno fa. Maersk calcola che la domanda globale di trasporto container dovrebbe crescere tra il 7 e il 9 per cento, rispetto al 6-8 per cento pronosticato a inizio anno.

Il settore logistica e servizi ha visto aumentare il reddito di più di un terzo (38%), pari a 2,6 miliardi di ricavi. Si tratta di un settore che negli ultimi anni ha visto verticalizzare l'attività dell'armatore, ormai sempre più strutturato sui servizi terrestri, tra collegamenti ferroviari e trasporto intermodale.

Infine, crescono i ricavi anche dei terminal ferroviari di proprietà, quelli di APM Terminal, pari a un miliardo di dollari nel terzo trimestre dell'anno, con il 9,6 per cento di volumi merce in più movimentati, principalmente provenienti da Nord America, America Latina e Asia.

-
credito immagine in alto

Tag: maersk - economia