|
napoli 2
05 aprile 2020, Aggiornato alle 09,50
intersped 2

Informazioni MarittimeInformazioni Marittime

speciale1
Infrastrutture

Porto di Genova vuole raddoppiare il suo piano triennale

Comitato di gestione approva decreto di aggiornamento che fa salire i lavori a 1,9 miliardi. Si rinforzano quelli già approvati e si aggiunge una nuova stazione crocieristica


Il porto di Genova vuole raddoppiare il programma straordinario triennale delle opere per il porto di Genova, ampliando alcuni lavori e aggiungendo nuovi interventi. Il Comitato di gestione dell'Autorità di sistema portuale della Liguria occidentale ha approvato, d'intesa con la struttura commissariale, un decreto di aggiornamento da 1,9 miliardi, con 900 milioni di euro in più sul piano varato poco più di un anno fa dal governo. Prevede diversi importanti interventi che beneficiano delle deroghe (e della gestione commissariale) per la ricostruzione del ponte Morandi. Si aggiunge una nuova stazione crocieristica e si rinforza la storica del Ponte dei Mille. Le opere già incluse avranno un aumento dei fondi, come ha spiegato in conferenza stampa giovedì il presidente del porto, Paolo Emilio Signorini:

• diga foranea: da 250 a 600 milioni;
• ribaltamento a mare del polo di Sestri Ponente di Fincantieri: da 215 a 697 milioni;
• ristrutturazione silos Hennebique: 90 milioni (invariato e carico dei privati);
• adeguamento del Parco Fuiori Muro (7 milioni);

Fra i nuovi interventi  previsti nel decreto di aggiornamento ci sono:

• nuovo terminal crociere di Costa Crociere a Calata Gadda, con 80 milioni di investimento, di cui circa 45 a carico dell'armatore; 
• consolidamento banchine, dragaggi e allungamento del Ponte dei Mille dove si trova la stazione marittima. Costo: 20 milioni.