|
Porto di Napoli
18 dicembre 2018, Aggiornato alle 16,30
intersped

Informazioni MarittimeInformazioni Marittime

Infrastrutture - Logistica

Porti, Rotterdam e Amburgo collaborano su arrivo e partenza navi

Per la prima volta, compagnie e terminalisti di scali di nazioni differenti scambiano dati attraverso un'interfaccia digitale


E' la prima volta che due scali portuali di nazioni differenti collaborano attivamente sulla gestione del traffico navale. Succede con i porti di Amburgo e Rotterdam che hanno iniziato a scambiarsi per via telematica dati sugli orari di arrivo e di partenza previsti ed effettivi delle navi che provengono o sono dirette ai due porti. La collaborazione, riferisce World Maritime News, è stata attivata nell'ambito di un progetto avviato all'inizio di quest'anno dall'Autorità Portuale di Rotterdam e dalla HVCC Hamburg Vessel Coordination Center, la joint venture partecipata dai due principali terminalisti del porto di Amburgo.

 

Obiettivo del progetto è lo scambio di dati attraverso un'interfaccia digitale in modo che le compagnie di navigazione possano ottimizzare l'impiego delle proprie navi e a loro volta i terminal operator possano ottimizzare l'utilizzo delle loro risorse, rendendo nel contempo i due porti più competitivi ed efficienti.

 

I partner del progetto hanno spiegato che, ad esempio, in caso di prevedibili ritardi nello sbarco e inoltro di carichi giunti in porto a bordo delle navi, le compagnie di navigazione possono decidere di ridurre la velocità delle navi per ritardare il loro arrivo in porto e per poter beneficiare di una riduzione del consumo di combustibile.