|
adsp napoli 1
16 luglio 2024, Aggiornato alle 19,41
forges1

Informazioni MarittimeInformazioni Marittime

forges4

Polo Nazionale della Dimensione Subacquea, la Marina fa il punto sul futuro

Il patrimonio liquido, spiega il capo di stato maggiore Enrico Credendino, sostiene le fondamenta del benessere economico e sociale del nostro Paese

(Ph: Marina Militare)

Si è svolto nei giorni scorsi a bordo di nave Cavour il convegno "Immersi nel Polo Nazionale della Dimensione Subacquea: alla Scoperta del Futuro", alla presenza del ministro della Difesa, Guido Crosetto. Il convegno è risultato una preziosa occasione per condividere lo stato dell'arte delle attività del Polo e discutere del suo ambizioso futuro di catalizzatore delle eccellenze italiane dell'underwater, tra le quali istituzioni, grande, media e piccola industria, start-up nonché mondo accademico e centri di ricerca.

Nel salutare i convenuti, il capo di stato maggiore della Marina Militare, l'ammiraglio di squadra Enrico Credendino, ha sottolineato come il 70% della superficie terrestre sia coperto dal mare, patrimonio liquido che sostiene le fondamenta del benessere economico e sociale del nostro Paese, fonte significativa di risorse energetiche e alimentari, nonché custode di infrastrutture critiche quali i cavi sottomarini di comunicazione.

L'ammiraglio, riferisce il Notiziario online della Marina, ha colto inoltre l'occasione per evidenziare che in mari meno profondi come il Mediterraneo, il Mar Rosso e il Mare del Nord i rischi di sabotaggio sono molto più significativi rispetto agli oceani. Per far fronte a queste sfide, è stata istituita una centrale operativa multi-dominio a Santa Rosa, già attiva da un anno, che consente alla Marina Militare di monitorare le attività sott'acqua. In futuro, sensori attivi e passivi, inclusi droni, permetteranno di conseguire una piena "underwater situational awareness", ovvero il monitoraggio e il riconoscimento del traffico e delle minacce sempre più presenti nella dimensione subacquea.