|
adsp napoli 1
02 dicembre 2022, Aggiornato alle 17,37
forges1

Informazioni MarittimeInformazioni Marittime

unitraco2
Politiche marittime

Pnrr e porti, Assoporti chiede "dragaggi in tempi umani"

Secondo il presidente Giampieri la semplificazione normativa è essenziale per concretizzare il piano nazionale di ripresa e resilienza, che scade nel 2026

Rodolfo Giampieri, presidente di Assoporti (Assoporti/Twitter)

Gli enormi investimenti avviati nei prossimi quattro anni per i porti italiani dal Piano nazionale di rirpresa e resilienza, o Pnrr, impongono una semplificazione normativa. Soprattutto, una semplificazione dei dragaggi. Lo torna a ribadire, seguendo una linea argomentativa che rappresenta lo shipping italiano in generale, il presidente di Assoporti, Rodolfo Giampieri, intervenendo a un convegno organizzato da Enel a Genova sull'elettrificazione dei porti.

«Al prossimo ministro dei Trasporti chiederemo una semplificazione normativa per la portualità italiana, quando riusciremo a fare i dragaggi in tempi umani nei porti italiani, allora avremo fatto un passo avanti per la crescita del Paese», ha detto Giampieri. «Per fare le opere previste dal Pnrr e non solo in Italia – ha continuato - c'è bisogno di una robusta e severa semplificazione normativa, c'è bisogno di una velocizzazione perché il mercato non aspetta. Quando i porti italiani fanno bandi di gara è indispensabile che ci sia una normativa che semplifichi e velocizzi il percorso, non vuol dire 'tana libera tutti' o non fare i controlli, vuol dire razionalizziamo la gara pubblica in base ai tempi del mercato. È fondamentale per mettere a terra le opere previste dal Pnrr».

Tag: dragaggi