|
napoli 2
09 luglio 2020, Aggiornato alle 22,38
intersped 2

Informazioni MarittimeInformazioni Marittime

unitraco2
Infrastrutture

Per il porto di Trieste un 2015 in buona salute

Bilancio in attivo del 7 per cento, avanzo economico a 12 milioni. D'Agostino: "Gestiamo bene le controllate" 


Giovedì scorso, presso la "torre del Lloyd" del porto di Trieste, il Comitato portuale ha approvato il rendiconto generale 2015 che presenta un avanzo di amministrazione di 12,90 milioni di euro. Avanzo che, spiega l'autorità portuale in una nota, servirà in parte a realizzare «importanti interventi già inseriti nelle linee strategiche dei documenti di programmazione pluriennale». L'avanzo di parte corrente, pari a 17,12 milioni, verrà utilizzato per dare copertura agli investimenti con fondi propri. Il bilancio dell'anno scorso si è chiuso con un conto economico della gestione caratteristica in positivo di 167,70 milioni di euro, con un aumento dei ricavi di circa il  7 per cento in più rispetto al 2014.

«Questi ottimi dati -  ha commentato il commissario dell'Autorità portuale - Zeno D'Agostino, confermano il buon andamento della gestione dell'ente, e sono sintomo dell'efficienza amministrativa e della valorizzazione del patrimonio che stiamo portando avanti anche con le società controllate».

La seduta del Comitato è stata infatti anche l'occasione per presentare i risultati dell'ultima assemblea di Adriafer, la società posseduta al cento per cento dall'authority e titolare della concessione del servizio di manovre ferroviarie del giuliano.

L'Autorità portuale di Trieste evidenzia infine 17 nuove assunzioni nell'ultimo anno, segno che la società «è sana e in crescita» sottolinea D'Agostino.
 
-
foto via