|
napoli 2
05 agosto 2020, Aggiornato alle 18,46
intersped 2

Informazioni MarittimeInformazioni Marittime

unitraco2
Politiche marittime

Parlamento e Consiglio europeo si accordano sui rifiuti navali

Un altro passo verso la direttiva Ue sul trattamento dei rifiuti di bordo

Violeta Bulc

Il Parlamento europeo e il Consiglio europeo hanno raggiunto un accordo provvisorio sulla direttiva degli impianti portuali di raccolta e trattamento dei rifiuti navali. La bozza è frutto di una proposta della Commissione Ue lanciata a gennaio, parte di una strategia più ampia che include anche la riduzione dei prodotti di plastica. L'ultimo aggiornamento in materia risale a gennaio 2013.

 La bozza di direttiva Ue sui rifiuti navali 

«L'inquinamento sta uccidendo i nostri oceani e sono necessarie azioni urgenti. La navigazione mercantile e i porti svolgono un ruolo centrale nella raccolta dei rifiuti generati da una nave. L'accordo tra Parlamento e Consiglio è la prova della determinazione dell'Unione europea», afferma Violeta Bulc, commissario per la mobilità e i trasporti. «La direttiva – continua – stabilisce misure per garantire che i rifiuti navali vengano sempre restituiti a terra, riciclati e trasformati nei porti. Le nuove regole consentiranno un miz di misure, incentivazioni e applicazioni, come un regime di ispezione mirato, supportato da report digitali». 

Ci saranno incentivi per le navi che saranno virtuose nella gestione dei rifiuti.
 

Tag: rifiuti - europa