|
napoli 2
26 maggio 2020, Aggiornato alle 15,38
intersped 2

Informazioni MarittimeInformazioni Marittime

speciale1
Politiche marittime

Palermo, via al risanamento dei portuali

L'Adsp della Sicilia Occidentale lancia un piano industriale portuale generale e attiva il "15 bis", per sostenere l'impresa articolo 17

Il porto di Palermo

di Paolo Bosso

«Le giornate di lavoro sono scese a quattro, cinque. Al mese». Così Antonino Napoli, dirigente regionale per la portualità della Fit-Cisl, descrive lo stato di salute dei portuali di Palermo. Ed è un discorso che vale un po' in tutti i porti italiani, a esattamente due mesi dal lockdown. Così, al porto di Palermo si è deciso di intervenire con risorse pubbliche per risanare l'impresa di lavoro temporaneo, ovvero i portuali dell'articolo 17.

Il primo passo, come operazione preliminare, sarà quello di presentare un piano di risanamento dell'impresa e di riqualificazione degli operai, com'è stato deciso nel corso di un incontro tra i sindacati, gli armatori che scalano il porto e gli operatori, dove si è discusso di un piano industriale portuale generale. In particolare, su proposta del presidente dell'Autorità di sistema portuale (Adsp) della Sicilia Occidentale, Pasqualino Monti, si è scelto di risanare la Compagnia Lavoratori Portuali Sicilia Occidentale. Alla base, l'attivazione del comma 15 dell'articolo 17 della legge 84/94, che permette all'Adsp di destinare una quota, non superiore al 15 per cento delle entrate dell'ente pubblico non economico, al sostegno dell'impresa soggetto di manodopera temporanea.

«Stiamo parlando di imprese che pagano canoni, affitti. Senza praticamente più turni di lavoro si tratta di spese non più sostenibili», spiega Napoli. Il risanamento dei portuali palermitani in qualche modo si farà, garantisce Monti, «nella cornice della legittimità, ma anche borderline, se necessario per risanare questa situazione. Questo è il ruolo manageriale di un presidente».

«È un piano industriale del sistema», continua Monti. «Il porto è una comunità e merita da parte nostra tutto l'impegno della squadra che rappresento, chiamato a governare i porti, a risolvere i problemi, non a crearli». Un piano generale per, a seconda dei casi, risanare, ammodernare, sviluppare e migliorare tutte le imprese che lavorano nel porto capoluogo della Sicilia. A proposito di CLP Sicilia Occidentale, Monti spiega che da quando si è insediato «in due anni e mezzo l'abbiamo portata a numeri incredibili. Hanno dimostrato grande professionalità anche in questo momento così difficile. Sono loro, insieme a tutti gli altri trasportatori del Paese, a garantire l'approvvigionamento degli ospedali, dei supermercati e delle farmacie. Per intenderci, negli ultimi mesi, mentre io ero a casa a fare conference call, loro erano in banchina a lavorare».

Gli strumenti del 15 bis possono essere diversi. Formazione, ricollocamento, reimpiego in altre mansioni e incentivazione al pensionamento. Infine, l'Autorità di sistema portuale, nel caso in cui l'operatività dello scalo commerciale sia compromessa, può finanziare interventi finalizzati a ristabilire gli equilibri patrimoniali dell'impresa o dell'agenzia fornitrice di manodopera. 

L'Associazione Nazionale Imprese Portuali (ANCIP) auspica che Palermo faccia da esempio per tutti gli altri porti, affinché «intervengano rapidamente per permettere alle società articolo 17 di superare questo periodo critico», imprese che «assicurano la continuità operativa in un settore vitale per l'economia nazionale». È stata «superata la logica del divieto di aiuti di Stato alle Imprese, così come dichiarato più volte sia dalla Commissione europea che dal governo nazionale, dobbiamo sottolineare che tale intervento ben si inquadra nell'ottica di assicurare alla società art. 17 la liquidità finanziaria indispensabile a mantenere i livelli occupazionali ed a sostenere i salari dei lavoratori in questa fase critica, in attesa che la ripresa dell'economia nazionale ed internazionale permetta la riattivazione dei traffici portuali, rallentati dal lockdown».

Tag: portuali - palermo