|
adsp napoli 1
03 ottobre 2022, Aggiornato alle 12,17
forges1

Informazioni MarittimeInformazioni Marittime

unitraco2
Politiche marittime

Palermo, Regione verso ok al piano regolatore portuale di sistema

Parere positivo dell'assessorato al Territorio al Documento di pianificazione strategica di sistema portuale. A breve seguirà l'approvazione in giunta, poi il passaggio governativo

Il porto di Palermo (Leonardo Gargano/Flickr)

Parere positivo dell'assessorato del Territorio della Regione Sicilia al Documento di pianificazione strategica di sistema portuale (DPSS) di Palermo, in altre parole il piano regolatore del porto capoluogo e dei porti di Termini Imerese, Trapani e Porto Empedocle. Oggi il presidente dell'Autorità di sistema portuale della Sicilia Occidentale, Pasqualino Monti, ha presentato al comitato tecnico-scientifico il complesso documento di pianificazione.

Il documento passa ora all'esame della giunta per l'approvazione per poi essere presentato in conferenza nazionale dei presidenti delle autorità di sistema portuale e al ministro delle Infrastrutture, Enrico Giovannini. 

«Definire la visione del sistema portuale e gli sviluppi futuri del sistema porti e interporti rappresenta un momento importante – ha detto l'assessore al Territorio della Regione Sicilia, Toto Cordaro -  nell'ambito della collaborazione che la Regione Siciliana ha instaurato con l'autorità di sistema. La programmazione costituisce un propulsore di crescita che stimola tutti gli altri attori dello sviluppo regionale e locale ad agire in sinergia per il comune interesse delle economie del mare. Il governo Musumeci è molto attento agli asset portuali, riconoscendone l'importanza strategica e il contributo che danno all'economia». 

Per Monti il DPSS è «un atto fondamentale che traccia la strategia guida per potenziare gli scali in un'ottica di sistema per rinnovare il rapporto tra le aree portuali, le città e i territori e rappresenta anche l'indirizzo per i futuri piani regolatori portuali. Inoltre, potenzia l'efficacia del sistema portuale per lo sviluppo dell'intero sistema territoriale di riferimento, esaltando le singole identità territoriali».

Alla presentazione erano presenti, oltre a Cordaro e Monti, il dirigente generale del dipartimento Urbanistica dell'assessorato, Calogero Beringheli, e l'ordinario di Architettura dell'Università degli Studi di Palermo, Maurizio Carta, che ha coordinato i gruppi di ricerca.  
 
Nel DPSS vengono pianificati gli obiettivi di sviluppo di medio e lungo periodo, coerentemente con quanto stabilito dal Piano nazionale dei trasporti e della logistica, dalle direttive europee in tema di portualità e dal Piano strategico nazionale della portualità e della Logistica. Molto complessa la procedura di approvazione, sia per la miriade di enti che ne richiedono la consultazione o l'approvazione che per la quantità di cose contenute. 

Il DPSS richiede il parere favorevole di tutti gli enti locali: Regione, Comuni interessati e Città Metropolitana (se presente), e il parere della Conferenza dei presidenti delle Autorità di sistema portuale presso il ministero dei Trasporti. Il DPSS delimita le aree portuali e quelle di interazione porto-città, individuando gli indirizzi per la redazione dei successivi piani regolatori portuali. Dal 2016, anno dell'ultima riforma portuale, che ha accorpato tra l'altro le autorità portuali nelle autorità di sistema portuale, è la cornice amministrativa necessaria per programmare lo sviluppo infrastrutturale portuale.

-
credito immagine in alto

Tag: palermo