|
Porto di Napoli
19 ottobre 2018, Aggiornato alle 10,09
intersped

Informazioni MarittimeInformazioni Marittime

Infrastrutture

Offerta multipurpose per il polisettoriale di Taranto

Istanza trentennale del consorzio Southgate Europe Terminal per la gestione di una porzione dell'ex Taranto Container Terminal


Si affaccia un nuovo soggetto nella gestione di una parte del terminal container di Taranto, l'ex Taranto Container Terminal che ha chiuso i battenti due anni fa. Una richiesta di concessione di una porzione di banchina del molo Polisettoriale, rilasciata martedì dalla società consortile "Southgate Europe Terminal", costituita da Zeta System Spa e Taranto Iniziative Produttive. Un'istanza di concessione demaniale marittima (artt. 16 e 18, legge 84/94) trentennale che include banchina e area retrostante «al fine di rendere operativo – si legge in una nota dell'Autorità di sistema portuale (Adsp) del Mar Iiono - un terminal multipurpose con la gestione del ciclo completo di movimentazione di merce containerizzata e merce varia. La società ha chiesto l'anticipata occupazione limitatamente ad una parte della superficie oggetto della domanda di concessione medesima. L'Adsp del Mar Ionio – conclude l'authority - implementerà l'iter istruttorio di rito». 

Attualmente gli esuberi, circa 500, provenienti dalla liquidazione di Taranto Container Terminal sono gestiti dalla Taranto Port Workers Agency, costituita a settembre.