|
adsp napoli 1
22 aprile 2024, Aggiornato alle 16,27
forges1

Informazioni MarittimeInformazioni Marittime

unitraco2

Nei fondali oltre ottomila relitti potenzialmente inquinanti

L'allarme lanciato dall'International Union for Conservation of Nature (Iucn)


L'International Union for Conservation of Nature (Iucn) avverte che l'inquinamento marino causato da navi affondate e abbandonate nell'oceano potrebbe raggiungere il picco entro questo decennio. Su circa 3 milioni di navi affondate e abbandonate nell'oceano, l'associazione ne classifica oltre 8500 come relitti potenzialmente inquinanti.

La maggior parte di questi relitti, riferisce The Maritime Executive, risale alla prima e alla seconda guerra mondiale e contiene inquinanti chimici nocivi, munizioni inesplose e circa 6 miliardi di galloni di olio combustibile pesante. Si tratta di 545 volte più petrolio della perdita di Exxon Valdez nel 1989 e 30 volte di più rispetto a quella della Deepwater Horizon nel 2010.

Con lo sviluppo del trasporto marittimo, l'inquinamento marino causato dalle navi affondate sta diventando sempre più un problema globale e transfrontaliero, che potrebbe colpire le persone, l'ambiente e le economie di tutto il mondo. Purtroppo mancano dati e cooperazione internazionale su come gestire l'inquinamento da relitti. Ciò significa che molti governi non possono agire in modo proattivo per prevenire fughe di notizie.

Inoltre, il costo finanziario per rispondere all'inquinamento provocato dai relitti è proibitivo, soprattutto per i paesi in via di sviluppo. La pulizia costa in media da 2.300 a 17.000 dollari per tonnellata. Inoltre non è chiaro chi sia responsabile di questo costo. Molti dei paesi più colpiti non hanno partecipato alla prima e alla seconda guerra mondiale e le navi affondate in guerra rimangono di proprietà del paese verso cui hanno navigato in base al principio dell'immunità sovrana.
 

Tag: navi - ambiente