|
adsp napoli 1
22 aprile 2024, Aggiornato alle 16,27
forges1

Informazioni MarittimeInformazioni Marittime

unitraco2
Politiche marittime

Nautica, porto di Livorno e Camera di commercio vogliono stimolare l'occupazione

Istituito un osservatorio nell'ambito di un patto locale per la formazione professionale e l'avviamento al lavoro

(Taras Kalapun/Flickr)

Diffondere e condividere conoscenze e competenze per dare una risposta ancora più adeguata alle esigenze formative e lavorative nell'ambito della filiera della nautica da diporto esistente sul territorio livornese. È questo l'obiettivo del protocollo d'intesa firmato nei giorni scorsi dal presidente dell'Autorità di sistema portuale del Mar Tirreno Settentrionale, Luciano Guerrieri, e dal presidente della Camera di Commercio della Maremma e del Tirreno, Rccardo Breda.

In tale contesto è stato istituito l'Osservatorio permanente della nautica, col compito di presidiare lo sviluppo e l'andamento del settore nautico, il cui soggetto di riferimento è stato individuato nell'autorità portuale con la collaborazione della società Navigo. Le parti si impegneranno a disciplinare termini e modalità per l'individuazione di ulteriori dati, informazioni ed ambiti di analisi funzionali all'alimentazione dell'Osservatorio, andando quindi ad integrare le attività di analisi che l'ente camerale svolge già attraverso la banca dati Excelsior e la propria azienda speciale Centro Studi e Servizi. A tal proposito verrà costituito un gruppo di lavoro congiunto tra i due soggetti.

L'accordo prende le mosse dal progetto pilota "Livorno formYacthing", avviato dal Comune di Livorno nell'ambito del patto locale per la formazione professionale e l'avviamento al lavoro sottoscritto a maggio del 2021 tra il Comune di Livorno, l'autorità portuale, la Camera di Commercio, la Regione Toscana, i sindacati, le scuole superiori e le associazioni di categoria.

«La firma del protocollo consolida un proficuo dialogo tra l'autorità di sistema portuale e la Camera di Commercio», ha affermato Guerrieri. «Si tratta di un atto strategico perché va a supportare con maggiore efficacia le attività formative nel territorio con particolare attenzione alle esigenze occupazionali legate alle filiere green e blu. La formazione di chi vuole operare in questo settore rimane un tassello fondamentale della nostra strategia».

Soddisfatto il presidente Breda, che ha ribadito l'importanza dell'accordo, confermando la piena disponibilità dell'ente camerale a collaborare con l'autorità di sistema portuale per consentire il migliore funzionamento dell'Osservatorio, attraverso le informazioni del Sistema informativo Excelsior e attraverso l'attività di analisi sulla blue economy svolta dal Centro Studi e Servizi: «Identificare - ha detto Breda - i principali trend del settore della nautica e i possibili correlati fabbisogni formativi significa infatti intervenire concretamente a sostegno delle imprese».

-
credito immagine in alto