|
napoli 2
18 settembre 2020, Aggiornato alle 15,05
intersped 2

Informazioni MarittimeInformazioni Marittime

unitraco2
Logistica

Napoli, 2020 anno del record di crocieristi

Sfonderanno quota 1,5 milioni di transiti, il più alto numero mai raggiunto dallo scalo campano

La stazione marittima di Napoli con due grandi navi attraccate: Msc Fantasia e Harmony of the Seas

di Paolo Bosso

Il porto di Napoli chiude il 2019 con un alto numero di crocieristi in transito alla stazione marittima. E questo sarà un anno speciale, quello del record storico per la Terminal Napoli, la società che gestisce l'edificio del Bazzani, che sfonderà per la prima volta un milione e mezzo di passeggeri in transito. 

Se c'è un'attività che al porto di Napoli non conosce crisi, quelle sono le crociere. È il terzo porto d'Italia dopo Civitavecchia e Venezia. Leggermente calate negli anni precedenti, quando i crocieristi in transito sono scesi sotto il milione (per transito si intende il totale dei passeggeri a bordo di tutte le navi attraccate durante l'anno, ma in media a scendere in città sono circa un quinto), da un paio d'anni sono tornate a crescere. Nel 2019 la Terminal Napoli, la società che gestisce la stazione marittima, ha visto 456 attracchi di navi da crociera per un totale di 1,36 milioni di passeggeri, il 28 per cento in più rispetto all'anno precedente. L'anno prossimo saranno ben 1,54 milioni, il numero più alto mai raggiunto dal porto. Turisti che potranno anche usufruire, all'interno della stazione, di un particolare albergo altamente automatizzato, aperto da pochi mesi. Navi più grandi che genereranno anche grattacapi logistici ed eventuali disagi: i crocieristi tenderanno a sbarcare più spesso sulla banchina al livello del mare invece che sul primo piano della stazione perché alcune cruiser saranno troppo alte.

La ripresa del 2019, spiega la società in una nota, è dovuta principalmente a due fattori. La crescita dell'aeroporto di Capodichino, che «ha invogliato armatori e tour operator a puntare maggiormente sullo scalo partenopeo»; e la scelta della compagnia britannica Marella Cruises di rendere Napoli home port. Senza dimenticare la granitica presenza di Msc e Costa Crociere, che partecipano in quota alla gestione della Terminal Napoli.

Tag: napoli - crociere