|
napoli 2
27 novembre 2021, Aggiornato alle 09,59
intersped 2

Informazioni MarittimeInformazioni Marittime

unitraco2
Armatori

Moby, CIN e Tirrenia verso l'80 per cento del pagamento dei debiti

Il tribunale di Milano rinvia l'assemblea dei creditori ad aprile, con un piano di recupero «fortemente incrementale». Una newco acquisirà la flotta

(romana klee/Flickr)

Via libera alla dilazione dei tempi di pagamento dei creditori di Moby e Compagnia Italiana di Navigazione. Con una proposta che prevede il pagamento dell'80 per cento del debito complessivo - tra le quali figura anche la Tirrenia, in amministrazione straordinaria - il tribunale di Milano ha rinviato le istanze dei creditori di circa quattro mesi. La prossima assemblea di Moby è stata fissata per il 6 aprile 2022, quella di CIN per il 12 aprile, dopo una prima udienza che le prevedeva per dicembre prossimo.

Come si legge da Repubblica Firenze, che cita la sentenza del tribunale, la proposta di CIN è «fortemente incrementativa» per i creditori, tra cui Tirrenia, con la percentuale detta poc'anzi dell'80 per cento, che per la ex compagnia marittima di bandiera è pari a 144 milioni di euro, da pagare in quattro rate tra il 2022 e il 2025. Una situazione «ampiamente migliorativa» rispetto a qualche mese fa, secondo i giudici.

All'orizzonte c'è una newco che accorperà le navi della flotta Moby e CIN, battezzata ShipCo, con le partecipazioni dei soli creditori ipotecari e gestita da una «società di gestione del risparmio», quindi o una banca o una finanziaria.

-
credito immagine in alto