|
Porto di Napoli
12 dicembre 2018, Aggiornato alle 16,31
intersped

Informazioni MarittimeInformazioni Marittime

Eventi

Marittimi in piazza a Roma: "Governo tuteli di più la categoria"

Oggi la manifestazione di protesta indetta da Filt-Cgil, Fit-Cisl e Uiltrasporti


I marittimi sono scesi di nuovo in piazza per chiedere al governo maggiori tutele per la categoria. Lo hanno fatto oggi a Roma, davanti alla sede del ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, nel corso della manifestazione di protesta indetta da Filt-Cgil, Fit-Cisl e Uiltrasporti. Nello specifico, i sindacati chiedono l'introduzione di un nuovo sistema di formazione non più a carico dei marittimi, lo svolgimento di corsi direttivi previsti solo per chi deve ottenere ancora il titolo professionale, il riconoscimento dell'esperienza maturata dai marittimi italiani negli anni di navigazione anche ai fini dei futuri adeguamenti della normativa.

I sindacati chiedono una risoluzione del problema magari ispirandosi alle condotte degli altri Paesi, essendo la normativa recepita di tipo internazionale. Le organizzazioni dei lavoratori sollecitano inoltre il governo a riordinare la legislazione sui marittimi, in particolare riconoscendone la qualifica di "lavoro gravoso" per chi opera in coperta così come in macchina e soprattutto l'istituzione di un'unica lista di collocamento per la gente di mare, per fare incontrare domanda e offerta (senza dare così una scusa agli armatori per imbarcare personale straniero) e soprattutto avviando in questo modo un censimento dei lavoratori marittimi italiani effettivamente in attività, cosa che oggi non esiste.