|
Porto di Napoli
18 dicembre 2018, Aggiornato alle 16,30
intersped

Informazioni MarittimeInformazioni Marittime

Politiche marittime

Ucina e ItalianYachtMasters: "Impensabile rimandare gli ufficiali di navigazione a scuola"

Le due associazioni stigmatizzano la circolare ministeriale sui titoli marittimi che prevede corsi di formazione obbligatori

Ucina e Italian Yacht Masters prendono posizione a difesa della professionalità degli ufficiali di navigazione. L'azione comune è stata motivata dalla pubblicazione, da parte del VI Reparto del Comando Generale delle Capitanerie di porto, della circolare sui titoli marittimi che prevede, pena il mancato rinnovo dei certificati che abilitano alla professione, il ritorno sui banchi di scuola per un corso di 300 o 500 ore.

Questa drastica soluzione è stata motivata dal fatto che, dopo averli diplomati, anche molti anni fa, è stata rilevata l'incompletezza dei programmi formativi. Questa disposizione rischia di far perdere l'imbarco a migliaia di ufficiali e comandanti ponendoli in una situazione che, se è difficile per tutti i marittimi, è molto seria per quelli del settore yachting, che vedono la loro stagione lavorativa compressa nei soli sei mesi estivi, saltando i quali rimarrebbero senza lavoro per l'intero anno. Salvo l'evidente probabilità di essere definitivamente rimpiazzati.

"Ci rammarica dover constatare che questo provvedimento tradisce scarsa sintonia con la situazione generale del Paese, le difficoltà degli operatori economici e ancor più, in questo caso, dei lavoratori", afferma Carla Demaria, presidente di Ucina, che sposa in pieno la causa sostenuta dall'associazione di categoria ItalianYachtMasters.

"Il cosiddetto corso direttivo è la conseguenza di una procedura di infrazione i cui elementi vertono sui programmi degli Istituti Nautici da quando sono diventati istituti per la logistica dei trasporti, sulla mancanza di un sistema di controllo qualità dei Ministeri dei Trasporti e dell'Istruzione e delle Capitanerie, oltre alla totale assenza di un controllo periodico di questi enti" – spiega il comandante Dario Savino del Direttivo IYM – "ma la soluzione adottata finisce per penalizzare solo chi certamente non ha colpe".

Non è mai stato possibile visionare gli atti dell'ispezione dell'European Maritime Safety Agency. La senatrice Manuela Granaiola ha scritto alla Commissaria europea ai Trasporti, Violeta Bulc, per sapere che cosa chiede precisamente l'Europa all'Italia: "Il nostro Ministero, ad oggi, non ha saputo (o potuto) rispondere a questo quesito, non dà spiegazioni e quando lo fa omette di fornire i documenti che dovrebbero sostenere le scelte fatte".

Di fronte a questo sconcertante stato di fatto alcuni marittimi hanno chiesto a Bruxelles l'accesso agli atti. E' stato loro riconosciuto "il diritto di capire il motivo per cui il Ministero dei Trasporti italiano vuole istituire corsi obbligatori per coloro che hanno già superato gli esami e stanno lavorando nella loro posizione da anni". Ma nella risposta inviata dalla Commissione Europea si legge che "poiché le autorità italiane hanno introdotto la formazione <management-level> nel 2013 senza alcuna raccomandazione di EMSA o della Commissione a farlo retroattivamente, la documentazione richiesta non contiene le spiegazioni oggetto della domanda".

Poiché, come ricorda la stessa Commissione, il corso direttivo è stato previsto nel 2013 e senza prescrizione retroattiva da parte della Ue, Ucina e IYM ritengono che la sua obbligatorietà possa essere riconsiderata solo per chi ha superato l'esame di abilitazione posteriormente a tale data. Andrebbe inoltre chiarito che la data di riferimento deve essere quella dell'esame, non quella di registrazione sul libretto o del rilascio del titolo professionale, poiché trattandosi di persone che per professione sono anche per molto tempo in mare, di norma possono effettuare dette registrazioni anche con molti mesi di ritardo.

Ucina e ItalianYachtMasters fanno appello alla sensibilità del Ministro dei Trasporti, Graziano Delrio, affinché si trovino soluzioni più eque, anche in considerazione che quelle competenze eventualmente mancanti sono state ormai ampiamente sanate dalle funzioni svolte in mare.