|
adsp napoli 1
24 maggio 2024, Aggiornato alle 11,47
forges1

Informazioni MarittimeInformazioni Marittime

forges4
Politiche marittime

Mare Aperto 24, esercitazione al largo del Tirreno

Addestramento congiunto tra Marina, gruppo Grendi, Confitarma e Capitaneria per simulare il sequestro di un carico sospetto


Nell'ambito dell'esercitazione "Mare Aperto 24" della Marina Militare, l'11 maggio si è tenuto un addestramento congiunto nel Mar Tirreno che ha coinvolto una nave di Grendi, Rosa dei Venti, e una della Marina, la fregata Bergamini.

Coordinato dalla centrale operativa di Roma della Marina, della Capitaneria e di Confitarma, e dalla sede operativa di Grendi a Cagliari, l'addestramento è consistito nel trasporto e sequestro, a bordo del mercantile Rosa dei Venti, di un carico illegale di merce.

In seguito all'acquisizione e condivisione di informazioni tra la Marina Militare e la Guardia Costiera, la fregata italiana BERGAMINI è stata incaricata di condurre un'ispezione in alto mare. Dopo aver stabilito un contatto radio con Rosa dei Venti, la fregata ha dichiarato le proprie intenzioni e ha richiesto al Comandante del mercantile di procedere all'abbordaggio da parte di un team ispettivo per un'operazione VBSS (Visit, board, search, and seizure).

Il team ispettivo, dopo aver abbordato il mercantile, ha effettuato le opportune verifiche sulla regolarità dei documenti e del carico. Completati i necessari controlli, il team ha lasciato il mercantile che ha ripreso la sua regolare navigazione.

L'esercitazione – che ha messo in luce l'alto livello di professionalità di tutti gli attori coinvolti - è stata un'opportunità preziosa per testare procedure e tempi di reazione, nonché il flusso di comunicazione tra personale civile e militare, con l'obiettivo comune di garantire la sicurezza in mare.

"Mare Aperto" è la più importante esercitazione della Marina Militare e, in questa edizione, coinvolge circa 9.500 militari provenienti da 27 nazioni, di cui 11 membri della NATO, dura quattro settimane e comprende un'intensa attività addestrativa con oltre 100 tra navi, aeromobili, sommergibili e veicoli non pilotati. Vi partecipano anche reparti anfibi delle marine di Spagna e Francia, Marines statunitensi con i relativi mezzi, Esercito, Aeronautica, Arma dei Carabinieri e Guardia di Finanza e Guardia Costiera. È coinvolto anche personale civile proveniente da istituti universitari, centri di ricerca e organizzazioni del settore marittimo, della Difesa e di altri dicasteri.