|
Porto di Napoli
15 gennaio 2019, Aggiornato alle 17,10
intersped

Informazioni MarittimeInformazioni Marittime

Infrastrutture

L'AdSP Sicilia Occidentale aderisce ad Alis

L'obiettivo è promuovere lo sviluppo dei traffici intermodali nei porti di Palermo, Trapani, Porto Empedocle e Termini Imerese


Dopo l'adesione degli scali orientali dell'isola, anche il Sistema Portuale del Mar di Sicilia Occidentale entra a far parte di Alis (Associazione Logistica dell'Intermodalità Sostenibile) in qualità di Socio Onorario, con l'obiettivo di creare forti sinergie per lo sviluppo dei traffici intermodali nei porti isolani di Palermo, Trapani, Porto Empedocle e Termini Imerese.

"L'adesione dell'Autorità di Sistema Portuale del Mar di Sicilia Occidentale è una pietra miliare nella storia della nostra associazione – ha dichiarato il presidente di Alis Guido Grimaldi –. Il porto di Palermo ha infatti un ruolo determinante per lo sviluppo dell'intermodalità. Da questi porti, in particolare da quello di Palermo, vogliamo partire per lavorare insieme a un serio rilancio del Mezzogiorno d'Italia, che da sempre è il nostro obiettivo primario". Ed ha aggiunto: "Daremo vita a forti sinergie tra le oltre 1.200 imprese associate, tutte operanti nel settore del trasporto intermodale, e un'Autorità di Sistema Portuale che, da sempre in prima linea nello sviluppo delle Autostrade del Mare, è oggi uno snodo intermodale d'eccellenza. L'obiettivo comune è una sempre maggiore efficienza e capillarità dei collegamenti intermodali su strada e via mare, con particolare attenzione allo sviluppo della logistica ultimo miglio, che rappresenta un'esigenza reale e urgente per un numero sempre maggiore di aziende".

La possibilità di sinergie con tutti gli attori che compongono la catena logistica e le forte rappresentatività dell'associazione presso le Istituzioni Italiane hanno spinto l'Autorità di Sistema Portuale del Mar di Sicilia Occidentale ad aderire ad Alis, che conta oltre 1.200 aziende associate tra autotrasportatori, aziende armatoriali e ferroviarie, terminal, agenzie e spedizionieri di tutta Italia, per un totale di oltre 120.000 unità di forza lavoro e un parco veicolare di 80.000 mezzi con 2.700 collegamenti marittimi settimanali solo per le isole e più di 120 linee di Autostrade del Mare.

A meno di un anno dalla sua nascita l'associazione annovera al suo interno oltre al recente ingresso dell'Autorità Portuale del Mar di Sicilia Occidentale anche le Autorità de il Mar Tirreno Centrale (Porti Napoli, Salerno e Castellammare di Stabia), Mar di Sicilia Orientale (Porti di Catania ed Augusta), Mar Adriatico Settentrionale (Porti di Venezia e Chioggia) Mar Ionio (Porto di Taranto), l'Autorità Portuale di Messina, l'Autorità Portuale di Barcellona e l'Autorità Portuale di Valencia.