|
Porto di Napoli
16 novembre 2018, Aggiornato alle 11,30
intersped

Informazioni MarittimeInformazioni Marittime

Logistica

La napoletana Starlight s'aggiudica commessa in Nigeria

Si tratta della fornitura di dieci sistemi di visura notturna che andranno su altrettante unità navali. La commessa vale 1,5 milioni con opzione per altre dieci


Starlight Italia, società nata nel 2005 fondata da Roberto Longo, ha acquisito in Nigeria una commessa da un milione e mezzo di euro per la fornitura di dieci sistemi di visione notturna certificati secondo i regolamenti Solas per high speed craft. Ne da notizia il giornale genovese TheMeditelegraph aggiungendo che c'è un'opzione d'acquisto per altri dieci sistemi. «La commessa – conferma Alessandro Solla, socio e direttore di Starlight (nella foto, il primo a destra) - vale 500mila euro per la fornitura di sistemi di visione notturna cui si aggiunge la parte di installazione ed affiancamento al personale nigeriano di un nostro tecnico che portano la commessa complessiva ad un milione e mezzo di euro. In pratica 150 mila euro a sistema. L'accordo prevede l'equipaggiamento di dieci unità navali, pattugliatori, della società Ocean Marine Solutions (Oms) che si occupa di offrire soluzioni di sicurezza nelle zone a rischio del continente africano».

«Negli ultimi 7 anni - continua Solla - Oms ha collaborato con la Marina nigeriana, fornendo una protezione fondamentale all'industria petrolifera e del gas e fornendo servizi di scorta per le navi commerciali che transitano attraverso le acque nigeriane La flotta di Oms è composta da 42 Patrol Boats appositamente costruite e coordinate dai centri operativi di Lagos, Warri e Port Harcourt, fornisce un ulteriore supporto sostenibile alla Marina nigeriana, che è così in grado di mantenere una maggiore presenza in mare e migliorare le sue capacità di sorveglianza e raccolta di informazioni. Le forniture di Starlight si inquadrano appunto in questo obiettivo. E per raggiungere questo elevato grado di professionalità -aggiunge Solla al TheMeditelegraph- l'azienda partenopea si avvale di un team di ingegneri provenienti dai settori della difesa – cybersecurity – navale, i sistemi realizzati sono "customizzati" per singolo cliente, o con funzioni avanzate ed integrate con sistemi di terze parti. Il contratto sottoscritto riguarda la fornitura – installazione – training di 10 sistemi opto elettronici Predator Nighthawk per le unità ormeggiate nel porto di Port Harcourt».
Altri particolari tecnici della fornitura riguardano il sistema di funzionamento che alterna in automatico due modalità differenti a seconda del livello di luce dell'ambiente. La modalità ultracolor permette di ottenere immagini a colori nitide e chiare alla luce del giorno fino a livelli molto bassi di luce, oppure, dopo il tramonto o di notte vicino alla costa o sul porto. La modalità intensificatore invece, intensifica la luce quando il livello di illuminazione è molto basso, ad esempio in condizioni di buio completo, lontano dalla costa e da fonti di luce. Il sistema può ruotare di 360 gradi, azionato tramite apposita consolle posta sul Ponte di Comando ed è in grado di registrare immagini e filmati anche con l'indicazione dell'orario e della posizione gps.