|
napoli 2
21 settembre 2020, Aggiornato alle 09,35
intersped 2

Informazioni MarittimeInformazioni Marittime

unitraco2
Infrastrutture

Intermodalità, La Spezia fa il punto sul trasporto ferroviario

Nel convegno tenuto nello scalo ligure si è discusso sul futuro del trasporto su ferro delle merci integrato con le altre modalità della catena logistica

Obiettivo: sviluppare in modo efficiente e sostenibile il trasporto ferroviario delle merci integrandolo con le altre modalità di trasporto lungo la catena logistica. Il porto della Spezia punta a questo risultato e nel convegno tenuto ieri sul tema si è ampiamente discusso sulla futura evoluzione intermodale dello scalo ligure.


I partecipanti e il tema
Nel corso del convegno "La Spezia lancia la sfida ferroviaria", a cui hanno partecipato, dopo i saluti del consigliere regionale Andrea Costa, Aldo Isi, direttore investimenti di Rete Ferroviaria Italiana; Francesco Lugli, responsabile commerciale Trenitalia Cargo; Eugenio Muzio, consigliere Assologistica e presidente della Commissione Assologistica per Intermodalità e Trasporto; Luigi Capitani - amministratore delegato CePIM S.p.A. Interporto di Parma; Michele Giromini - amministratore delegato La Spezia Container Terminal; Guido Porta – vice-presidente Fercargo; Davide Santini – presidente consiglio di gestione La Spezia Shunting Railways; Marco Spinedi - presidente Interporto Bologna; Roberto Tosetto - direttore Interporto Padova, è stato di fatto lanciato il progetto in base alla quale, l'Autorità portuale della Spezia farà dello scalo marittimo ligure, per oltre trent'anni porto pilota in Italia nello smistamento dei container utilizzando il mezzo ferroviario (piú del 35% di essi sono avviati a destinazione finale su binari, contro una media della portualità nazionale che si aggira attorno all'8%), un porto laboratorio.


L'esperienza della Spezia
Cosa significa? "L'esperienza accumulata in questi anni e la collaborazione con gli operatori logistici e ferroviari, - afferma Lorenzo Forcieri, presidente dell'Autorità portuale della Spezia - fa oggi del porto della Spezia un esempio di positiva integrazione tra mare e ferro nel quadro del Piano Strategico Nazionale della portualità e della Logistica. In quest'ottica, non si tratta neppure di un'autocandidatura, quanto di una missione di servizio: a partire da oggi i tecnici e operatori del porto e quelli del comparto ferroviario si impegneranno a mettere nero su bianco gli elementi che hanno composto la formula vincente della Spezia per pervenire ad una sorta di guida operativa al servizio del sistema logistico nazionale, anche nell'ottica dei corridoio ferroviari europei. Forcieri ha quindi illustrato i fattori su cui si è mossa La Spezia, in particolare sul fronte delle infrastrutture, della information technology e della governance.


Le buone pratiche
Nulla di teorico, dunque, bensì un contributo concreto che consenta a tutto il sistema logistico nazionale, oggetto oggi di un globale ripensamento e della messa a punto, per la prima volta, di un piano di integrazione reale fra trasporti marittimi e logistica di terra, di porre in atto "best practices" in termini di efficienza, ma specialmente di sostenibilità. Concludendo - ha dichiarato Forcieri - sottolineando il cambio di passo impresso dal ministro Del Rio al quale si è adeguato il nuovo vertice delle Ferrovie, possiamo dire che La Spezia è un porto pilota in Italia e nel Mediterraneo nell'ottica di un rapporto efficiente tra mare e terra. Oggi vogliamo lanciare una proposta operativa : da porto pilota vorremmo dar vita ad un vero e proprio porto laboratorio mettendoci al servizio del Sistema Paese per contribuire a definire delle linee guida operative sul tema dell'integrazione mare - ferro, quale elemento di competitività del nostro sistema portuale e logistico.

Il tavolo di partenariato
Un tema, quello dell'integrazione mare - terra, che dovrebbe trovare casa all'interno del tavolo di partenariato della risorsa "mare", dove possiamo mettere a disposizione la nostra esperienza e condividere le esperienze ed i progetti già avviati. Ora che con la realizzazione delle Autorità di Sistema Portuale, il Piano della Portualità e della Logistica entrerà in piena attuazione, l'interazione fra porto e ferrovia diventa, anche nell'ottica dei corridoi, elemento strategico centrale per la competitività".