|
adsp napoli 1
25 giugno 2024, Aggiornato alle 18,13
forges1

Informazioni MarittimeInformazioni Marittime

forges4
Politiche marittime

Il porto di Gioia Tauro rateizza i canoni demaniali

Con il pesante rincaro inflativo, l'autorità portuale viene incontro alle imprese dilazionando i pagamenti superiori alla tariffa minima

Il porto di Gioia Tauro

Per andare incontro agli operatori portuali, l'Autorità di sistema portuale del Tirreno meridionale e dello Ionio, guidata dal presidente Andrea Agostinelli, ha approvato il regolamento per la rateizzazione dei canoni demaniali marittimi per il 2023 nei porti interni alla sua circoscrizione: Gioia Tauro, Crotone, Corigliano Calabro, Vibo Valentia Marina e Taureana di Palmi.

La decisione viene principalmente dal rincaro generale di quest'anno del 25 per cento dei canoni demaniali marittimi, che sono stabiliti dal ministero delle Infrastrutture su parametri Istat, quest'anno caratterizzati dall'inflazione dell'ultimo anno (il decreto interessato è 321/2022, pubblicato in Gazzetta ufficiale, n. 31, il 7 febbraio scorso). Dati alla mano, per il porto di Gioia Tauro il canone demaniale minimo per l'anno in corso ammonterà a 3,377 euro circa, determinando l'aumento più elevato mai avvenuto. Per questo motivo l'area Demanio dell'autorità portuale, guidata da Pasquale Faraone, ha attivato il  procedimento amministrativo della richiesta di rateazione del canone tramite lo Sportello Unico Amministrativo (SUA), consentendo ai concessionari demaniali marittimi, a seguito di preliminare valutazione, pagamenti scaglionati nel corso dell'anno di riferimento. 

Nello specifico, i canoni concessori determinati nella misura minima (3.377,50 euro) non potranno essere oggetto di rateizzazione. Mentre quelli di importo compreso tra gli oltre 3,377 euro e i 70 mila potranno essere rateizzati in due rate di pari importo, da corrispondersi entro il 2023. Quelli invece di importo compreso tra 70 mila e 270 mila potranno essere rateizzati in tre rate di pari importo. Infine, l'aggiornamento dell'ammontare dei canoni di importo superiore ad 270 mila sarà applicato a partire dal primo ottobre del 2023.

Le imprese che intendono ottenere la rateizzazione devono presentare domanda allo sportello SUA dell'autorità portuale, il cui modulo è scaricabile da qui.