|
napoli 2
17 settembre 2021, Aggiornato alle 21,12
intersped 2

Informazioni MarittimeInformazioni Marittime

unitraco2
Logistica

Il commercio globale cala del 5,6%. Unctad: "Meno peggio del previsto"

L'analisi dell'organismo delle Nazioni Unite individua nel turismo il settore maggiormente penalizzato dalla pandemia


Il valore del commercio globale di merci diminuirà del 5,6% nel 2020 rispetto allo scorso anno a causa della pandemia. Si tratta del calo più significativo dal 2009, quando il commercio, segnato dalla recessione, si era ridotto del 22%. Ma comunque questi numeri suscitano un pizzico di ottimismo, se si pensa che le più recenti proiezioni prevedevano alla fine di questi 12 mesi di emergenza un calo del 9%. La nuova stima, meno drammatica, è fornita dagli analisti dell'Unctad, la conferenza delle Nazioni Unite sul commercio e lo sviluppo. 

Il rapporto Unctad per il 2020

Ovviamente, alcuni settori hanno sofferto più di altri. Il previsto calo del commercio di servizi è infatti molto maggiore, con una diminuzione del 15,4% rispetto al 2019. Si tratterebbe della più marcata diminuzione nel commercio di servizi dal 1990, cioè dall'inizio di questo tipo di rilevazioni. Il bollettino trimestrale dell'Unctad sul commercio internazionale dei servizi, che contiene le ultime informazioni dettagliate, mostra che questo crollo è stato in particolare determinato da un notevole calo dell'attività di viaggio, trasporto e turismo.
 

Tag: onu - turismo