|
napoli 2
08 agosto 2020, Aggiornato alle 12,18
intersped 2

Informazioni MarittimeInformazioni Marittime

unitraco2

I caricatori: "Gli armatori impongono tariffe senza consultarci"

L'European Shippers' Council critica il bunker adjustement factor introdotto recentemente dalle principali compagnie marittime di container


Le compagnie marittime dei container impongono unilateralmente, senza negoziazione, i propri bunker adjustement factor (BAF), ignorando così un approccio di mercato globale. I caricatori, riuniti nell'European Shippers' Council (ESC), criticano le recenti decisioni dei principali armatori di aggiungere dal prossimo anno delle imposte per coprire l'aumento dei costi del carburante in vista delle nuove normative IMO in vigore dal 2020 in tutto il mondo. Attualmente il BAF sarà introdotto da Maersk, Cma Cgm ed Msc, le prime tre compagnie container del globo. 

Il punto che sottolinea l'associazione riguarda l'equilibrio di mercato: decidere di applicare un'imposta di questo tipo senza accordarsi con i caricatori «limita la cooperazione, manca di trasparenza, diminuisce le potenziali soluzioni innovative e si traduce in una scarsa accettazione». Un dialogo, conclude ESC, è indispensabile.

I limiti al tenore di zolfo negli anni
I limiti al tenore di zolfo negli anni

Le Emission Control Area, dove verranno applicati i limiti dello 0,5 per cento
Le Emission Control Area, dove verranno applicati i limiti dello 0,5 per cento

Tag: zolfo - ambiente