|
Porto di Napoli
20 settembre 2018, Aggiornato alle 18,49
intersped
Informazioni Marittime
Naples Shipping
Armatori

Hapag Lloyd e Yang Ming crescono nel trasportato

La compagnia tedesca cresce anche nei ricavi, mentre quella giapponese vede un negativo di 5,6 miliardi


Hapag Lloyd ha chiuso il primo semestre dell'anno con ricavi pari a 5,4 miliardi di euro, in crescita del 20 per cento, beneficiando dell'attività di Uasc, acquisita a marzo 2017. In perdita invece Yang Ming, che ha chiuso i primi sei mesi dell'anno con una perdita netta di 5,6 miliardi di dollari su ricavi per 64,6 miliardi (rispetto al negativo per 1,3 miliardi del primo semestre 2017).

Hapag Lloyd nel semestre
La compagnia marittima tedesca beneficia in questa prima metà dell'anno dell'acquisizione della compagnia marittima araba Uasc. Ha trasportato 5,85 milioni di teu, in crescita del 38,5 per cento. La flotta sale da 219 navi (112 di proprietà) a 226 (98 di proprietà). I ricavi più alti vengono dall'interscambio con l'America Latina, pari a 1,24 miliardi di euro (+10,4%), seguita da transatlantico (979,5 milioni) e transpacifico (952,6 milioni). Per l'amministratore delegato, Rolf Habben Jansen, è stata una prima metà dell'anno caratterizzata da «un rilevante aumento dei costi del fuel, da tariffe di noleggio più elevate e da un rialzo dei noli più lento rispetto alle attese». Le misure per recuperare questi costi vertono sulla «sostenibilità economica del nostro sistema di gestione della flotta e sull'ottimizzazione dei nostri contratti con i terminal per diminuire la pressione dei costi».

Yang Ming nel semestre
Ha trasportato 2,52 milioni di teu, crescendo del 10,3 per cento. La flotta conta 100 navi per 630 mila teu di capacità complessiva. La perdita netta è dipesa, spiega la compagnia giapponese, dal costo del bunker, superiore di un quarto, e dal calo dei noli con la tariffa media scesa del 10 per cento.