|
Porto di Napoli
20 novembre 2018, Aggiornato alle 17,16
intersped

Informazioni MarittimeInformazioni Marittime

Armatori

Grimaldi rinforza le automare verso Barcellona

Protocollo d'intesa con Civitavecchia agevolazioni in cambio di traffico. Cruise Roma e Cruise Barcelona verso l'allungamento


L'integrazione logistica tra i porti di Barcellona e Civitavecchia – nei giorni scorsi la Commissione Ue ha assegnato ai due porti le risorse di BClink: MOS for the future - da un lato va a strutturare un traffico ben radicato, quello delle autostrade del mare, dall'altro a rafforzare la presenza dell'armatore che questo traffico lo gestisce, Grimaldi.

Oltre ad aver ottenuto finanziamenti europei dedicati, Civitavecchia ha stretto un protocollo d'intesa con la compagnia marittima napoletana «per consentirgli di sviluppare al meglio anche il traffico automotive che ha avuto nei mesi scorsi qualche calo», spiega Francesco di Majo, presidente dell'Autorità di sistema portuale del Tirreno centro-settentrionale. In sostanza si tratta di agevolazioni, di «soglie sia per le auto che per i passeggeri, al raggiungimento dei quali Molo Vespucci applicherà all'armatore delle agevolazioni sulle tariffe», precisa di Majo.

Il gruppo Grimaldi, che tra l'altro nel prossimo anno riceverà cinque nuove unità per le autostrade del mare, secondo un accordo con Fincantieri, in via di definizione, allungherà negli stabilimenti di Palermo le ammiraglie Cruise Roma e Cruise Barcelona, in servizio tra Civitavecchia, Porto Torres e Barcellona. L'operazione consentirà di aumentare la capacità di altri 500 passeggeri e 50 rotabili in più.