|
Porto di Napoli
15 dicembre 2018, Aggiornato alle 12,25
intersped

Informazioni MarittimeInformazioni Marittime

Infrastrutture

Governance Gioia Tauro, vertice Agostinelli-Scaccia

Il commissario dell'autorità portuale e il capo di Gabinetto del MIT affrontano i nodi dello scalo


Il commissario straordinario dell'Autorità portuale di Gioia Tauro, Andrea Agostinelli, ha incontrato lunedì il capo di Gabinetto del ministero dei Trasporti, Gino Scaccia, e il direttore generale per i porti e il trasporto marittimo del dicastero, Mauro Coletta. Tre gli elementi di discussione. La prima, naturalmente, è stata la governance: Gioia Tauro e Messina sono gli unici due porti senza Autorità di sistema portuale, com'è tornata a sottolinearlo recentemente Assoporti. A tal proposito si è parlato di un regolamento ministeriale per dare una risposta «alla "querelle" fra i governatori delle Regioni, sorta sulla inclusione dei porti siciliani nella Autorità di sistema portuale calabrese», si legge in una nota dell'authority. Gioia Tauro, riferiscono, resta per il governo «un asset portuale irrinunciabile».

In secondo luogo, si è parlato della crisi dei traffici portuali del porto, cioè del rapporto non idilliaco tra l'armatore Msc e il terminalista Medcenter Container Terminal (MCT). Infine, è stato aperto un focus sulla Gioia Tauro Port Agency, l'agenzia del lavoro portuale nata a luglio dello scorso anno, «sulle possibili modifiche per migliorare le procedure intese a ricollocazione dei lavoratori licenziati di MCT».