|
adsp napoli 1
03 febbraio 2023, Aggiornato alle 09,44
forges1

Informazioni MarittimeInformazioni Marittime

unitraco2
Politiche marittime

Gioia Tauro, Automar impiegherà tutti i portuali dell'Agenzia del lavoro

Accordo tra terminalista, autorità portuale e sindacati per gestire i picchi. Cento persone coinvolte, che dovranno ottenere la qualifica di driver

Il terminal Automar di Gioia Tauro

La società Automar, terminalista che gestisce la movimentazione delle autovetture nel porto di Gioia Tauro, e le organizzazioni sindacali unitarie (Cgil, Cisl, Uil, Ugl e Sul), supportate dall'Autorità di sistema portuale, hanno sottoscritto un accordo che consentirà per tutto l'anno l'utilizzo dei lavoratori iscritti nell'elenco della Gioia Tauro Port Agency, mediante la forma contrattuale dell'intermittenza.

La scelta è dovuta all'importante incremento dei traffici marittimi delle autovetture. L'utilizzo dei portuali iscritti nell'Agenzia permetterà di gestire in particolare i picchi di lavoro, che non permettono al terminalista di affidarsi soltanto alla combinazione di organico proprio e imprese ex articolo 16. Automar avrà bisogno soprattutto di driver, specializzazione che grazie ad un preciso percorso formativo sarà estesa a tutti i cento iscritti della Gioia Tauro Port Agency, un aspetto emerso nel corso delle trattative tra terminalista, autorità portuale e sindacati e che sfrutterà anche un accordo già sottoscritto dall'Autorità di sistema portuale dei Mari Tirreno Meridionale e Ionio con la Regione Calabria e i centri per l'impiego, nell'ambito del programma GOL-Garanzia e Occupabilità dei Lavoratori, finanziato coi fondi del PNRR.

«Si è giunti a questo importante risultato - scrive in una nota l'autorità portuale - grazie anche alla visione concreta e alla fattiva collaborazione delle organizzazioni sindacali, che hanno dimostrato senso di responsabilità rispetto all'esigenza di garantire la piena operatività dello scalo, e della società Automar spa, che offre la possibilità ai numerosi soggetti iscritti nell'elenco dell'Agenzia portuale di poter avere una concreta occasione di rientro nel mondo del lavoro. Un'occasione concreta che, considerato il vistoso aumento dei traffici registrati dal terminalista Automar e della relativa previsione in aumento per l'anno 2023, consentirà l'utilizzo di un numero sempre maggiore di lavoratori. Oltre ad assicurare ogni strumento possibile per garantire la piena operatività dello scalo, l'obiettivo dell'Autorità di Sistema portuale dei Mari Tirreno Meridionale e Ionio è stato, altresì, quello di offrire la possibilità di riacquisire un livello di dignità a numerosi lavoratori, professionalmente idonei ad essere inseriti nel circuito operativo portuale».