|
napoli 2
07 luglio 2020, Aggiornato alle 14,09
intersped 2

Informazioni MarittimeInformazioni Marittime

unitraco2
Infrastrutture

Genova-Savona fanno "sistema" con oli minerali

Accordo tra aziende specializzate dei due scali liguri per un nuovo traffico di 12 navi


Comincia già a lavorare in un ottica di "sistema" l'Autorità di sistema portuale del Mar Ligure Occidentale. I Depositi Costieri Savona, infatti, conquistano un nuovo traffico da 70mila tonnellate di oli vegetali per industria grazie all'alleanza fra aziende trasversale fra Genova e Savona. I protagonisti sono Saar Depositi Portuali, Silomar e la Depositi Costieri di Savona, presenti in entrambi i porti con impianti di sbarco, stoccaggio, ricarico e imbarco di rinfuse liquide alimentari e prodotti assimilabili, oli vegetali per uso industriale o energetico e altri prodotti liquidi compatibili.

Saar, che ha impianti a Genova per il trattamento di oli alimentari ma non ha mai implementato quelli per il biodiesel, ha stipulato un contratto di affitto con Depositi Costieri Savona per gestire gli impianti situati sulla Darsena Alti Fondali nel bacino portuale, 33 serbatoi di acciaio per una capacità complessiva di 26mila metri cubi, a cui si affiancano due pontili di ormeggio con un pescaggio di 16 metri. Questo ha permesso di conquistare il nuovo traffico, con l'attracco previsto di 12 navi nel 2017.