|
napoli 2
28 luglio 2021, Aggiornato alle 16,09
intersped 2

Informazioni MarittimeInformazioni Marittime

unitraco2
Politiche marittime

Ever Given, il 7 luglio termina il sequestro

Con una cerimonia ufficiale, autorità del canale di Suez e Shoei Kisen firmeranno l'intesa che libererà la grande portacontainer, bloccata nei Laghi Amari dal 29 marzo


Il 7 luglio  Ever Given potrà lasciare il canale di Suez. Lo ha deciso oggi il tribunale egiziano di Ismailia, decretando un accordo formale extragiudiziale di una decina di giorni fa tra l'Autorità del canale di Suez e Shoei Kisen Kaisha, proprietaria della portacontainer. Da mercoledì la grande nave non sarà più sotto sequestro.

Quel giorno si terrà una cerimonia tra le parti con la firma definitiva dell'accordo che pone fine alla disputa legale e permetterà ad Ever Given di lasciare i Laghi Amari – con tutto l'equipaggio a bordo – dove si trova da oltre tre mesi, dal 29 marzo, dopo aver bloccato nei sei giorni precedenti il canale di accesso che collega Mediterraneo e Mar Rosso, incagliandosi di traverso poco dopo essere entrata da Sud.  

Non è stato reso noto se l'accordo includa un risarcimento, né a quanto ammonterebbe. La Suez Canal Authority era arrivata a chiedere – al ribasso dopo essere partita da quasi un miliardo di dollari - intorno al mezzo miliardo di dollari, mentre Shoei Kisen sarebbe stata disposta a darne circa 200 milioni. C'è anche la possibilità che non sia solo l'armatore a pagare, perché ha dichiarato "avaria generale" per l'incidente, un istituto marittimo che prevede la ripartizione dei risarcimenti tra il proprietario della nave e le società che hanno le merci a bordo. 

Tag: suez