|
napoli 2
05 aprile 2020, Aggiornato alle 09,50
intersped 2

Informazioni MarittimeInformazioni Marittime

speciale1
Armatori

Entra in servizio Alf Pollak, seconda nave Tirrenia tra Genova e Malta

Si rinforza il servizio che collega Nord e Sud Italia con la gemella di Maria Grazia Onorato, unità da 4,100 metri lineari di carico

Alf Pollak

Parte stasera alle 20, dal terminal Catania Cruise Port, Alf Pollak, la seconda delle due navi traghetto per il trasporto merci di Tirrenia-Onorato Armatori che collega Genova, Livorno, Catania e Malta (con la possibilità di scali anche a Napoli), entrambe varate lo scorso anno nel cantiere tedesco di Flensburg (l'altra è Maria Grazia Onorato).

Si tratta di traghetti molto grandi, oltre ad essere dotata di scrubber, le "marmitte catalitiche" delle navi che permettono di continuare ad utilizzare lo stesso bunker anche dal primo gennaio, quando ne sarà richiesto uno più raffinato, con un tenore di zolfo molto inferiore (una situazione che sta facendo preoccupare i caricatori in vista di un aumento delle tariffe).

Le gemelle sono lunghe 209,79 metri, hanno una stazza di 32,770 tonnellate e un pescaggio di 6,80 metri, ha una capacità di trasporto di 4,100 metri lineari di carico e può imbarcare più di 300 semirimorchi.

Alf Pollak è stato un tour operator europeo, presidente di Seatour International e amico del fondatore di Moby, Vincenzo Onorato. L'introduzione di una nuova unità di questo tipo permette al gruppo napoletano di liberera altre navi da utilizzare in altre tratte come quelle sarde, siciliane e adriatiche.

«Con l'entrata in linea della Alf Pollak – spiega il vicepresidente e responsabile commerciale del Gruppo, Alessandro Onorato – continua la nostra espansione nel mercato delle merci, che ci sta dando sempre nuove soddisfazioni sia per i volumi caricati, sia dal punto di vista dei risultati commerciali. E la presenza contemporanea delle due più grandi ro-ro del Mediterraneo sulla rotta fra Genova, Livorno, Catania e Malta ci permette di lanciare la nostra nuova parola d'ordine: mai più un semirimorchio lasciato a terra».