|
napoli 2
28 luglio 2021, Aggiornato alle 16,09
intersped 2

Informazioni MarittimeInformazioni Marittime

unitraco2

Emissioni carbonio, l'Imo vara un nuovo sistema di rating delle navi

Prevista la valutazione dell'efficienza energetica di ciascuna unità (A, B, C, D, E - dove A è la migliore)

Kitack Lim, segretario generale dell'International Maritime Organization

L'International Maritime Organization (Imo) adotta nuove misure obbligatorie per ridurre l'intensità di carbonio del trasporto marittimo internazionale. Il comitato per la protezione dell'ambiente marino dell'Imo (MEPC 76), riunito in una sessione "in remoto" dal 10 al 17 giugno, ha adottato emendamenti all'allegato VI della Convenzione internazionale per la prevenzione dell'inquinamento provocato dalle navi (MARPOL) che richiederanno alle navi di ridurre le loro emissioni di gas serra. Questi emendamenti combinano approcci tecnici e operativi per migliorare l'efficienza energetica delle navi, fornendo anche importanti elementi costitutivi per future misure di riduzione dei gas a effetto serra.

Le nuove misure richiederanno a tutte le navi di calcolare il loro indice di efficienza energetica delle navi esistenti (EEXI) seguendo i mezzi tecnici per migliorare la loro efficienza energetica e stabilire il loro indicatore di intensità di carbonio operativo annuale (CII) e il rating CII. L'intensità di carbonio collega le emissioni di gas serra alla quantità di merci trasportate sulla distanza percorsa. Le navi riceveranno una valutazione della loro efficienza energetica (A, B, C, D, E - dove A è la migliore). Le amministrazioni, le autorità portuali e le altre parti interessate a seconda dei casi, sono incoraggiate a fornire incentivi alle navi classificate come A o B inviando anche un segnale forte al mercato e al settore finanziario. Una nave classificata D per tre anni consecutivi, o E, è tenuta a presentare un piano di azioni correttive, per mostrare come verrebbe raggiunto l'indice richiesto (C o superiore).

Le modifiche all'allegato VI MARPOL (adottato in un allegato VI rivisto e consolidato) dovrebbero entrare in vigore dal primo novembre 2022, con i requisiti per la certificazione EEXI e CII che entreranno in vigore dal primo gennaio 2023. Ciò significa che la prima relazione annuale sarà completata nel 2023, con il primo rating assegnato nel 2024. Una clausola di revisione richiede che l'Imo riesamini l'efficacia dell'attuazione dei requisiti CII e EEXI, entro il primo gennaio 2026 e, se necessario, sviluppi e adotti ulteriori modifiche.

-
credito immagine in alto

Tag: imo - ambiente