|
napoli 2
27 novembre 2021, Aggiornato alle 09,59
intersped 2

Informazioni MarittimeInformazioni Marittime

unitraco2
Politiche marittime

Due giorni di sciopero al porto di Livorno

Lo proclamano il 18 e 19 novembre Filt-Cgil, Fit-Cisl e Uiltrasporti. Si protesta contro il precariato e l'autoproduzione, e a favore della sicurezza sui luoghi di lavoro e del riconoscimento del lavoro portuale come usurante

L'imboccatura del porto di Livorno (Michela Simoncini/Flickr)

I sindacati Filt-Cgil, Fit-Cisl e Uiltrasporto hanno proclamato uno sciopero di 48 ore, giovedì 18 e venerdì 19 novembre, nel porto di Livorno. Una mobilitazione, spiegano in un comunicato, che «nasce per chiedere maggiore sicurezza e salute sui luoghi di lavoro, contenimento del lavoro straordinario e superamento del precariato, riconoscimento del lavoro usurante per il lavoro portuale, stop all'autoproduzione e per denunciare la mancata proroga nel decreto legge Infrastrutture dei sostegni alla portualità per l'anno 2022».

A proposito dell'autoproduzione, affermano, il disegno di legge Concorrenza «rischia infatti di spalancare le porte a questa pratica cara agli armatori».

-
credito immagine in alto

Tag: sciopero - livorno