|
napoli 2
20 gennaio 2022, Aggiornato alle 09,19
intersped 2

Informazioni MarittimeInformazioni Marittime

unitraco2
Infrastrutture

Dopo ottant'anni, ritorna la banchina 33b del porto di Napoli

Distrutta dai bombardamenti della Seconda guerra mondiale, l'autorità portuale ha concluso i lavori di ricostruzione, iniziati a maggio 2020

La banchina 33b del porto di Napoli prima e dopo i lavori (rcmcostruzioni.it/ilmattino.it)

Dopo ottant'anni, ritorna la banchina 33b del porto di Napoli. L'Autorità di sistema portuale del Tirreno Centrale, rende noto Il Mattino, ha completato i lavori di ricostruzione della banchina bombardata nella Seconda guerra mondiale, costati quasi dieci milioni di euro e avviati a maggio 2020.

Sul lato di Levante del porto di Napoli, nella zona dei cantieri navali (l'area è in concessione a Cantieri del Mediterraneo), la nuova banchina è lunga 330 metri e per realizzarla ha richiesto lavori di alta ingegneria. Sono state utilizzate 1,280 colonne di jet grouting, l'iniezione di cemento ad alta pressione fino a 600 atmosfere (in lunghezza, il materiale iniettato arriva alla lunghezza di dieci chilometri). Più di mille pali sono stati posizionati a ciglio banchina per permettere il tombamento dello specchio acqueo. Al cantiere hanno lavorato in tutto 45 persone del Consorzio Stabile Grandi Lavori, che conta esperienze anche nei porti di Ravenna e Genova. Il progetto ingegneristico è firmato da Marco Di Stefano, a cura delle società napoletane Sispi ed STCV. 1,200 le tonnellate di acciaio utilizzato.

L'intervento rientra in un pacchetto di investimenti da circa 380 milioni di euro per i porti di Napoli e Salerno, fondi rientranti nel Piano nazionale di ripresa e resilienza, o PNRR. A dicembre sono stati approvati il progetto per il consolidamento del molo Pisacane di Napoli e quello del primo lotto del prolugamento della diga foranea, pari rispettivamente a 11 e 20 milioni di euro. Tutti i lavori pianificati nei prossimi anni per i porti di Napoli e Salerno (gestiti dall'Adsp del Tirreno Centrale, guidata da Andrea Annunziata) sono i seguenti:

Napoli
prolungamento diga foranea Duca D'Aosta 150 milioni
riqualificazione e potenziamento infrastrutture passeggeri 26 milioni
cold ironing 25 milioni
riqualificazione Magazzini Generali 20,1 milioni
collegamenti ferroviari 20 milioni
completamento Darsena di Levante 20 milioni

TOTALE: 261 milioni circa

Salerno
consolidamento moli e banchine 40 milioni
dragaggio canale d'ingresso e parte del porto commerciale 40 milioni
cold ironing 15 milioni
prolungamento molo Manfredi 15 milioni
integrazione finanziamento Porta Ovest 10 milioni

TOTALE: 120 milioni

-
credito immagine in alto/credito immagine in alto

Tag: napoli