|
Porto di Napoli
20 novembre 2018, Aggiornato alle 17,16
intersped

Informazioni MarittimeInformazioni Marittime

Diritto del lavoro nei porti, la tavola rotonda a Genova

L'incontro organizzato dallo studio legale Conte & Giacomini è in programma il 15 gennaio presso il Palazzo Tursi


Una delle città italiane più attive nel promuovere l'applicazione del diritto europeo è Genova e il caso storicamente più esemplare è stato quello noto come "Porto di Genova" che si era concluso con la fondamentale sentenza del 10 dicembre 1991 della Corte di Giustizia Ue la quale aveva sancito la disapplicazione degli articoli 110 e 111 del Codice della navigazione conducendo all'abrogazione del monopolio del lavoro nei porti a beneficio delle compagnie portuali.

 

Del caso esemplare si parlerà nel corso della tavola rotonda organizzata dallo studio legale Conte & Giacomini il 15 gennaio nel capoluogo ligure alle ore 17 presso la Sala Giunta Nuova di Palazzo Tursi, Via Garibaldi 9. All'incontro parteciperanno il professor Tommaso Pavone, del Department of Politics, e la professoressa Kim Lane Scheppele, del Program of Law & Public Affairs, entrambi dell'Università di Princeton, nonché, in video collegamento con la medesima Università, il professor Paul Frymer, Direttore del Program of Law and Public Affairs. Interverranno per la parte italiana alcuni qualificati professori dell'Università di Genova nonché giornalisti che, all'epoca dei fatti, tennero le cronache di una vicenda che ebbe importanti e profonde conseguenze non solo sul piano giuridico ma anche sociale, politico ed economico in tutta Europa.


Il rinvio pregiudiziale in Corte di Giustizia da parte del Tribunale di Genova era stato formalmente richiesto dallo studio Conte & Giacomini che aveva anche seguito il giudizio incidentale, nella fase scritta e orale, svoltosi davanti alla Corte di Giustizia europea.