|
napoli 2
04 aprile 2020, Aggiornato alle 13,51
intersped 2

Informazioni MarittimeInformazioni Marittime

speciale1
Logistica

COVID-19, rallentano le motorizzazioni di Lombardia e Veneto

Con le nuove disposizioni governative per l'emergenza Coronavirus, sospesi gli esami per la patente, limitati gli accessi e incentivato il "lavoro agile"


Con l'emergenza Coronavirus in corso, rallenta anche il lavoro delle motorizzazioni della Lombardia e del Veneto. Il governo, con il decreto del presidente del Consiglio dei ministri del 25 febbraio, ha integrato le prime disposizioni del dpcm del 23 febbraio per fronteggiare questo momento delicato.

Il nuovo decreto, che si affianca ai precedenti interventi normativi per i comuni della Lombardia e del Veneto, prevede, per esempio, fino al primo marzo la sospensione degli eventi sportivi, e dei viaggi d'istruzione e delle visite guidate fino al 15 marzo.

Per quanto riguarda l'autotrasporto, fino al primo marzo, salvo nuove proroghe, sono in vigore nuove disposizioni per le motorizzazioni delle province di Bergamo, Brescia, Cremona, Lodi, Milano, Padova, Parma, Pavia, Piacenza, Rovigo, Treviso, Venezia, Verona e Vicenza. La Fai-Conftrasporto ha riassunto le nuove disposizioni:

• la sospensione degli esami per conseguire le patenti di guida
• la proroga per l'esame di idoneità e le esercitazioni alla guida;
• numero massimo di accessi giornalieri agli uffici e individuazione di idonei
spazi di attesa esterni.
• "lavoro agile", o lavoro a distanza, o smart working: nuove modalità sono applicabili in via provvisoria fino al 15 marzo senza necessità di un accordo scritto con il lavoratore. Sono interessati i datori di lavoro con sede legale o operativa nelle Regioni Emilia Romagna, Friuli Venezia Giulia, Lombardia, Piemonte, Veneto e Liguria, i lavoratori subordinati residenti o domiciliati nelle predette Regioni, anche quando svolgano l'attività altrove.

Gli obblighi di informativa sui rischi legati alla salute a sicurezza sul lavoro potranno essere assolti in via telematica, anche utilizzando la documentazione che l'Inail metterà a disposizione sul proprio sito internet www.inail.it.