|
adsp napoli 1
13 agosto 2022, Aggiornato alle 15,15
forges1

Informazioni MarittimeInformazioni Marittime

unitraco2

Container, con l'ETS i noli marittimi si fanno salati

Nel caso in cui lo shipping venga incluso, le spedizioni dall'Asia al Nord Europa gestite da Maersk subiranno un rincaro di 170 euro sul carico secco e di 255 euro sui reefer


Con un'informativa inviata ai clienti, il gruppo danese Maersk ha reso noto quali saranno i rincari sui noli container nel caso in cui il trasporto marittimo venga incluso nel sistema di scambio delle quote di carbonio, l'Emission Trading Scheme (ETS). L'ETS è stato inserito a fine giugno dal Consiglio dell'Unione europea nel pacchetto legislativo climatico Fit for 55, in vista poi dell'approvazione definitiva dal Parlamento Ue. Questa versione approvata prevede l'inclusione dello shipping nell'ETS, escludendo però il trasporto marittimo di cabotaggio e i servizi di collegamento in convenzione con lo Stato, cioè quelli che garantiscono la continuità territoriale.

Il rincaro ETS sui noli marittimi da parte di Maersk, come ha detto lo stesso armatore, «sarà significativo» e verrebbe applicato a partire dal primo trimestre del 2023. Vediamo nel dettaglio, rotta per rotta, come verrà applicato (il parametro è per singolo FEU, cioè i container da quaranta piedi).

Nord Europa-Asia 99 euro

Asia-Nord Europa 170 euro sui carichi secchi e 255 euro sui reefer

Medio Oriente-Nord Europa 106 euro sul secco e 150 euro sul reefer

Nord Europa-USA 184 euro sul secco e 276 euro sul reefer

Sud America-Europa 213 euro sul secco e 319 sul reefer