|
napoli 2
20 settembre 2019, Aggiornato alle 15,59
intersped 2

Informazioni MarittimeInformazioni Marittime

Click&Boat 2
Infrastrutture

Commessa da 10 milioni per Palumbo

Installerà su tre navi Corsica Lines i filtri per navigare anche nel 2020, quando il tenore di zolfo dei carburanti dovrà essere sette volte più basso

Il Palumbo Malta Shipyards

Battendo la concorrenza italiana e francese, il gruppo napoletano Palumbo ha ottenuto una commessa da 10 milioni di euro per installare sistemi di filtraggio del carburante - scrubber - su tre traghetti di Corsica Lines. 

Lo rende noto il Times of Malta, che ricorda come questo nuovo ordine è simile a quello per il refit di tre ro-ro della compagnia greca di Grimaldi, Minoan Lines, con la differenza che, ricorda il presidente del gruppo Antonio Palumbo, «è un contratto che è quasi il doppio di quello di Minoan Lines e siamo onorati di essere stati scelti dalla Corsica nel nostro lavoro». Quello per Minoan, infatti, vale 6 milioni di euro.

Le tre navi di Corsica Lines sono Pascal Paoli, Jean Nicoli e Paglia Orba e verranno messe in secca entro l'anno. Dei lavori se ne occuperà il Palumbo Malta Shipyards, uno dei sette stabilimenti di Palumbo nel Mediterraneo (gli altri sono Ancona, Messina, Marsiglia, Savona, Fiume e lo storico cantiere di Napoli) che sta investendo in nuove tecnologie e competenze ecologiche per modificare le navi in vista del 2020, anno di entrata in vigore dei regolamenti dell'International Maritime Organization che abbattono di sette volte il tenore di zolfo nei carburanti marittimi. Le navi già in navigazione dovranno quindi adattarsi con depuratori dei gas di scarico.

È una nuova nicchia di lavoro per la cantieristica, un nuovo mercato del retrofitting che nei prossimi mesi raggiungerà l'apice delle richieste considerando che l'installazione dei filtri richiede circa un mese. In questo caso gli scrubber funzionano con l'acqua di mare, lavando letteralmente i gas di scarico. «Il nostro prossimo obiettivo – conclude il direttore generale del gruppo Palumbo, Joseph Calleja - è di servire la prossima generazione di navi a gas naturale liquefatto».