|
napoli 2
01 ottobre 2020, Aggiornato alle 18,41
intersped 2

Informazioni MarittimeInformazioni Marittime

unitraco2
Armatori

Cma Cgm ha preso il controllo di Nol

Detiene ora il 78 per cento della compagnia di Singapore, che non sarà più quotata alla Borsa asiatica. Rinnovato il CdA

Cma Cgm ha preso il controllo di Neptune Orient Lines. Lo annuncia oggi l'armatore francese in una nota sul suo sito. Dopo l'adesione degli azionisti di maggioranza (Temasek e affiliati) di Nol alla voluntary general cash offer (equivalente a un'offerta pubblica d'acquisto) di Cma Cgm, l'acquisizione può dirsi fatta.

«Siamo favorevoli a questa operazione in quanto dà a Nol l'opportunità di partecipare con un leader globale», commenta Tan Chong, dirigente Nol. «L'accordo – continua - creerà una primaria compagnia di navigazione che fornirà un servizio affidabile ed efficiente. Accogliamo anche con favore l'impegno di Cma Cgm di migliorare la posizione di Singapore come hub marittimo chiave».

Cma Cgm detiene ora il 78,07 per cento delle azioni Nol (con un prezzo di offerta di 1,30 dollari di Singapore che per ora non aumenterà) e ha reso noto che non manterrà il titolo alla Borsa asiatica. Il Consiglio di amministrazione è stato rinnovato con dieci membri a partire dal 9 giugno ed è composto da: Rodolphe Saadé (presidente), Nicolas Sartini, Lars Kastrup, Serge Corbel, Ziad Tabet, Mathilde Lemoine, Ng Yat Chung, Kwa Chong Seng, Quek See Tiat e Tan Puay Chiang. 

Cma Cgm
È fondata e guidata da Jacques R. Saadé. Ha una flotta di 450 navi che toccano oltre 400 porti in tutti e cinque continenti. Nel 2015 ha movimentato 13 milioni di teu. È presente in 163 paesi con 426 agenzie marittime, impiega 22mila persone di cui 2,400 nella sede di Marsiglia (nella foto, "la torre Cma Cgm").

Nol
Ha sede a Singapore ed è la più grande compagnia marittima quotata alla Borsa di Singapore. Il suo braccio operativo nel trasporto container è American President Line (Apl) con servizi in l'Asia, Nord e Sud America, Europa, Medio Oriente, subcontinente indiano e l'Australia attraverso più di 80 linee settimanali toccando 160 porti.