|
napoli 2
25 settembre 2020, Aggiornato alle 17,23
intersped 2

Informazioni MarittimeInformazioni Marittime

unitraco2
Politiche marittime

Classe Bravo, a Fiumicino il nuovo mezzo della Guardia Costiera

La linea di battelli litoranei è destinata principalmente allo svolgimento di operazioni a tutela della sicurezza di bagnanti e diportisti


Si è svolta a Fiumicino, presso la base navale della Capitaneria di Porto di Roma, la prova in mare del nuovo battello della Guardia Costiera Classe Bravo. Una linea di battelli litoranei destinati principalmente allo svolgimento di operazioni a tutela della sicurezza di bagnanti e diportisti.

Il mezzo, lungo 7.30 metri, è equipaggiato da uno scafo rigido in composito (fibra di vetro e kevlar) realizzato con la tecnica dell'infusione sottovuoto, a garantirne il massimo della resistenza e la perfetta coesione tra gli strati di rinforzo. Come per lo scafo - inoltre - anche i tubolari sono di tipo rigido, essendo composti da tre sezioni amovibili (una prodiera e due laterali) realizzate con la tecnica del fendering system: "poliurea" nella parte esterna e "poliammide a cellule chiuse a doppia densità" nella parte interna, un sistema – questo – capace di offrire resistenza e durevolezza senza pari (lo scafo è garantito per 20 anni).

Notevole anche la capacità di carico e la velocità massima. Grazie ai due potenti motori da 115 HP ciascuno, il nuovo battello è capace di raggiungere i 35 nodi di velocità, per un intervento veloce e sicuro soprattutto nell'ambito costiero. Lo spazio a bordo - inoltre - è modulabile: sei sedute con la possibilità di rimuoverne quattro - quelle prodiere - per fare spazio a due barelle o, se necessario, alle dotazioni di un nucleo sommozzatori. Tra le caratteristiche innovative, anche un sistema pneumatico auto-raddrizzante ad azionamento manuale posizionato superiormente, sul rollbar. Il rollbar stesso, inoltre, è abbattibile, per un facile trasporto su carrello. Al momento il nuovo mezzo è in dotazione alla sola Capitaneria di Porto di Roma, ma altre 19 unità saranno presto consegnate (entro maggio 2022) ai comandi territoriali del Corpo.