|
adsp napoli 1
22 aprile 2024, Aggiornato alle 16,27
forges1

Informazioni MarittimeInformazioni Marittime

unitraco2
Politiche marittime

Catturare l'anidride carbonica nei fondali: il progetto del World Ocean Council

La partnership quadriennale coinvolge tredici importanti istituti e atenei d'Europa


Il World Ocean Council (Woc) è partner del progetto europeo quadriennale "Strategies for the Evaluation and Assessment of Ocean based Carbon Dioxide Removal" (SEAO2-CDR), che è stato lanciato per migliorare la possibilità di catturare l'anidride carbonica (CO2) dall'atmosfera e immagazzinarla nell'oceano. 

Il progetto, spiega Hellenic Shipping News, valuterà se il trasferimento dell'anidride carbonica nell'oceano (ocean-based carbon dioxide removal - OCDR) può essere utilizzato come metodo efficace per rimuovere la CO2 dall'atmosfera. Ciò avviene nello stesso momento in cui gli scienziati avvertono che probabilmente raggiungeremo il limite di 1,5 °C fissato dall'accordo sul clima di Parigi entro il 2027, con l'eccesso di carbonio nell'atmosfera che contribuisce in modo determinante alle temperature più elevate.

Le aziende di tutto il mondo stanno già iniziando ad abbracciare l'OCDR in una varietà di forme, tra cui l'aumento della quantità di CO2 che può essere assorbita nell'acqua di mare contrastando gli effetti dell'acidificazione degli oceani, l'aumento della produttività delle alghe che consumano CO2 durante la fotosintesi e l'affondamento delle alghe nell'oceano profondo dove il carbonio può essere bloccato all'interno dei sedimenti.

SEAO2-CDR è un progetto interdisciplinare che coinvolge 13 organizzazioni europee: NOC (UK); Uniresearch (Paesi Bassi); Università di Cambridge (Regno Unito); Heriot Watt (Regno Unito); Università di Lipsia (Germania); Kiel Institute for the World Economy (Germania); Università di Leiden (Paesi Bassi); GEOMAR Centro Helmholtz per la ricerca oceanica (Germania); Centro per la ricerca sociale ed economica (Polonia); Pontificia Università Comillas (Spagna); Università LUISS (Italia); Università di Kiel (Germania) e World Ocean Council (Francia).
 

Tag: ambiente