|
napoli 2
23 giugno 2021, Aggiornato alle 19,08
intersped 2

Informazioni MarittimeInformazioni Marittime

unitraco2
Politiche marittime

Cantieristica Genova, consegnati i capannoni di Levante

Cinque concessionari potranno usufruire di più spazio per le riparazioni e le costruzioni, rilanciando il settore

(Cantieri Navali di Sestri/Youtube)

Con il completamento del riassetto concessorio, i capannoni situati nella parte industriale del porto di Genova, formalmente consegnati ai concessionari (Amico & CO, Ferfrigor Porto, Gennaro srl, Lagomarsino Anielli e Naval Diesel), entrano nella piena operatività.

All'atto ufficiale di consegna, questa mattina, erano presenti per l'Autorità di sistema portuale della Liguria Occidentale, Paolo Emilio Signorini e il segretario generale Paolo Piacenza, per la sezione Industria Navale di Confindustria il presidente Paolo Capobianco oltre a tutti i titolari delle aziende concessionarie.

Si tratta del raggruppamento di capannoni a Levante del distretto industriale delle riparazioni navali, realizzati per una parte agli inizi degli anni duemila e successivamente ampliati con la realizzazione di ulteriori nove moduli, che prevedono sostanzialmente una zona operativa a piano terra mentre nei livelli superiori includono locali di servizio e accessori per le altre attività, quali spogliatoi, locali direzionali con uffici singoli e open space.

Il riassetto di quest'area era atteso da anni e la consegna d'uso avvia una fase molto importante per lo sviluppo della cantieristica navale genovese. Sono 222 gli addetti delle cinque aziende concessionarie: 70 per Amico & CO., 15 di Ferfrigor Porto, 50 per Gennaro Srl, 75 di Lagomarsino Anielli; 12 di Naval Diesel.

Sono in tutto 1,700 gli addetti specializzati che operano nelle oltre 80 aziende comprese nell'area demaniale tra Calata Gadda e Fiera del Mare che svolgono attività di costruzione, riparazione, allestimento e demolizione di navi, nonché refitting di mega yacht, a cui si sommano mille persone di indotto.

I capannoni, in origine destinati soltanto ad attività di deposito e stoccaggio materiale, vengono riqualificati e destinati a usi diversi, a seconda dell'impresa interessata. A breve troverà conclusione anche il procedimento comparativo in corso per i rimanenti due moduli e mezzo. Anche in questo caso verranno prima consegnati per mero deposito e, una volta eseguiti i lavori di impiantistica e ottenuta l'anticipata consegna, per svolgimento attività di impresa.

L'Italia, secondo esportatore al mondo dopo gli Stati Uniti nella costruzione navale, è leader nel segmento del lusso e la Liguria, in particolare la città di Genova, rappresentano un'eccellenza nel panorama internazionale. 

Per l'Italia l'industria della nautica si pone come il settore con maggiori prospettive di crescita, sia sotto il profilo economico che occupazionale: nel 2018 il comparto della nautica da diporto ha segnato un +14,2 per cento rispetto al 2017, a fronte di una crescita del 3,2 per cento nel comparto manifatturiero. Il tessuto del distretto industriale del porto di Genova si caratterizza inoltre per l'ampia gamma di specializzazioni che consentono alle navi e ai mega yacht di usufruire, con carattere di immediatezza, di tutti gli interventi che le stesse necessitano.

-
credito immagine in alto