|
napoli 2
06 agosto 2020, Aggiornato alle 11,28
intersped 2

Informazioni MarittimeInformazioni Marittime

unitraco2
Logistica

Canale di Panama, il rebus dei noli

La direttrice Asia-East Coast Usa sarà più cara? Per ora sì, ma il divario con la costa occidentale degli States sta scendendo


Dalla metà del prossimo anno portare merce dall'Asia alla costa occidentale degli Stati Uniti attraverso Panama potrebbe costare sempre meno. È la conclusione a cui è arrivata Container insight, l'ultimo studio marittimo dell'analista inglese Drewry, che ha osservato in che modo l'apertura della terza chiusa cambierà i costi di trasporto per chi passa per il canale di Panama.
 
In realtà è difficile fare previsioni, perché l'aggiunta della terza chiusa farà entrare navi più grandi, con un risparmio garantito dalle economie di scala, ma i noli saranno destinati a salire soltanto se lo decideranno gli armatori, come sempre. Nell'ultimo periodo, per esempio, il trend è al ribasso: a febbraio la tariffa media (in Feu) da Shanghai a New York era di 2,800 dollari più costosa della Shanghai-Los Angeles. A maggio il divario è sceso, con una differenza di 1,700 dollari. 
 
Il nuovo canale di Panama apre ad aprile 
La nuova corsia del canale di Panama aprirà i battenti ad aprile. È l'espansione, o allargamento, del canale, un'opera da oltre cinque miliardi di dollari che va avanti ormai da otto anni.

Si è alle battute finali. La terza corsia, che si aggiunge alle altre due storiche, ognuna a senso unico, permetterà di far transitare, non subito ma nel prossimo futuro, navi portacontenitori da oltre 15mila teu. A giugno è stata riempita la chiusa dell'Atlantico, ora si sta riempendo la chiusa del Pacifico, al ritmo di 140mila litri d'acqua al minuto, e dovrebbe concludersi per fine agosto. Appena aperto, il canale potrà ospitare navi fino a 13mila, più del doppio della capacità attuale del canale di Panama che non può superare i 5mila teu.
 
 
Tenendo conto che nella logistica delle merci il punto di partenza è quasi sempre la Cina, in futuro la quota di trasporto verso la costa orientale degli Stati Uniti tenderà ad aumentare a scapito di quella occidentale. Quindici anni fa era soltanto del 16 per cento, oggi è raddoppiata. Dall'inizio dell'anno sono stati creati sei nuovi servizi che vanno dall'Asia alla East Coast, raggiungendo un totale di 25, di cui 16 via Panama e 9 via Suez.