|
adsp napoli 1
17 maggio 2024, Aggiornato alle 18,06
forges1

Informazioni MarittimeInformazioni Marittime

forges4
Infrastrutture

Battezzata a Trieste la grande "Msc Nicola Mastro"

Portacontainer da 24 mila TEU, è la più grande di questo tipo a servire l'Italia e approderà regolarmente in una manciata di porti

Msc Nicola Mastro arriva nel porto di Trieste

La Msc Nicola Mastro, una delle più grandi portacontainer della flotta di Msc e la più grande ad approdare nei porti italiani, è stata battezzata oggi a Trieste. 

Dopo aver scalato i porti cinesi, Singapore, King Abdullah in Arabia Saudita, Ashdod in Israele, Fos sur mer in Francia e Gioia Tauro, Genova e La Spezia in Italia la nave è giunta al Trieste Marine Terminal, controllato dal gruppo Msc, che a Trieste possiede anche il 50 per cento di una società di rimorchio portuale, Tripmare, tramite la Gesmar di Rimorchiatori Mediterranei. Presente la dirigenza di Msc, tra cui Diego Aponte, presidente del gruppo e figlio del fondatore Gianluigi. Tra gli altri, erano presenti il ministro dei rapporti con il Parlamento, Luca Ciriani; il governatore della Regione Friuli, Massimiliano Fedriga; il presidente dell'autorità di sistema portuale di Trieste, Zeno D'Agostino; l'amministratore delegato del gruppo Msc, Soren Toft. Circa 600 ospiti tra autorità civili, militari, religiose.

Assieme all'Autorità di sistema portuale di Trieste sono in programma per i prossimi anni alcuni importanti investimenti per il Trieste Marine Terminal. Tra questi, l'elettrificazione da terra della banchina, il progetto "Smart Grid" per il potenziamento della rete elettrica, l'allungamento della banchina di altri 100 metri e l'acquisto di due nuove gru di banchina capaci di servire navi di ultima generazione.

«Oggi è una giornata straordinaria, fino a pochi anni fa impensabile. Ma noi volgiamo rendere questa nave operativa, vogliamo che diventi la quotidianità per il porto di Trieste: ci sono 105 milioni di euro sul Pnrr per rafforzare il Molo Settimo. Andiamo avanti, con la collaborazione tra pubblico e privato che qui funziona», commenta D'Agostino.

Msc Nicola Mastro è una nave che potrà approdare in pochi porti italiani, tra cui Trieste, Genova e Gioia Tauro, dove nei giorni scorsi è già approdata, non tanto per le dimensioni in sé - è lunga 400 metri e larga circa 60 - quanto per il pescaggio a pieno carico che arriva a 17 metri. Combinando economia di scala (grande capacità di trasporto, in questo caso) e utilizzando il bunker marittimo con bassissimi tenori di ossidi di zolfo e azoto, secondo i calcoli dell'armatore le emissioni di anidride carbonica sarebbero del 12 per cento inferiori alle soglie massime consentite dalla normativa dell'International Maritime Organization. Possiede un sistema di scrubber, ovvero filtri per il particolato e gli ossidi, un sistema di lubrificazione dello scafo per farla scivolare con meno attrito e risparmiare carburante. Infine, è predisposta per il cold ironing, l'allacciamento alla rete elettrica di terra quando è in sosta nel porto.

Tag: msc - trieste