|
napoli 2
17 settembre 2021, Aggiornato alle 08,15
intersped 2

Informazioni MarittimeInformazioni Marittime

unitraco2
Politiche marittime

Assicurazioni in ripresa, eccetto il P&I

Aumentano i premi e diminuiscono i sinistri, ma le previsioni sul lungo termine sono incerte. Lo studio di International Union of Marine Insurance

(rabesphoto/Flickr)

L'International Union of Marine Insurance (IUMI) ha pubblicato una lunga analisi sulle ultime tendenze del mercato dell'assicurazione marittima durante la sua conferenza annuale, tenutasi lunedì in straming da Seoul, in Corea del Sud.

In generale, IUMI rileva una situazione positiva del mercato nella maggior parte dei rami assicurativi, ad eccezione del P&I, e nella maggior parte delle regioni geografiche, derivante da un aumento della base premi, una frequenza di sinistri «straordinariamente bassa» e un rimbalzo economico migliore del previsto.

I premi navali per il 2020 sono stati stimati in 30 miliardi di dollari, con un aumento del 6 per cento rispetto al 2019. Il reddito globale è stato suddiviso per regione: Europa 47,7 per cento, Asia/Pacifico 29,3, America Latina 9,3, Nord America 7,7, altro 6 per cento.

Il cargo ha continuato a rappresentare la quota maggiore con il 57,2 per cento del totale nel 2020, lo scafo il 23,8, l'energia offshore il 12,1 e la responsabilità civile marittima (escluso IGP&I) il 6,8.

I premi globali riportati dal settore dell'energia offshore nel 2020 sono stati di 3,6 miliardi di dollari, con un aumento dell'8,6 per cento rispetto al 2019. La raccolta premi rispecchia il prezzo globale del petrolio e si ritiene che sia stato raggiunto il fondo del ciclo di riduzione dei premi. Tuttavia, il prezzo del petrolio rimane volatile e nel 2020 ha subito un impatto negativo a causa della pandemia. Il 2021 ha visto una corsa del prezzo del petrolio ma gli effetti di eventi come l'uragano Ida devono ancora arrivare. Le richieste in questo settore rimangono storicamente basse con il 2020 che probabilmente produrrà le richieste a monte più basse di questo secolo. Il contesto di bassi sinistri, unito a una base di premi relativamente modesta, ha mantenuto il settore dell'energia offshore in un fragile equilibrio.

Il recente aumento del prezzo del petrolio sta guidando una rinnovata attività e una riattivazione nel settore che porterà a una maggiore domanda di sottoscrizione. Tuttavia, ciò potrebbe dar luogo a un aumento dei reclami e il settore energetico è particolarmente suscettibile agli eventi nat cat che sono stati relativamente bassi di recente. Sebbene sembri esserci un rafforzamento del mercato dell'energia offshore, le prospettive a lungo termine rimangono incerte a questo punto.

Inoltre, i sottoscrittori di energia offshore si stanno espandendo in nuove attività correlate come l'eolico offshore e l'acquacoltura che potrebbero aumentare i loro portafogli.

La base premium globale per il mercato cargo per il 2020 è stata stimata in 17,2 miliardi di dollari, con un aumento del 5,9 per cento rispetto al 2019. La crescita nel mercato cinese continua a essere forte. Le fluttuazioni dei tassi di cambio incidono maggiormente su questo settore e quindi i confronti con gli anni precedenti non possono essere esatti.

Le fortune del mercato cargo tendono a seguire le tendenze del commercio mondiale e le previsioni del Fondo Monetario Internazionale sono ottimistiche. Il commercio globale sembra essere tornato più forte del previsto dopo l'epidemia di COVID, il che offre prospettive positive per le opportunità commerciali nel mercato delle merci.

Continua a leggere

-
credito immagine in alto