|
napoli 2
05 agosto 2020, Aggiornato alle 18,46
intersped 2

Informazioni MarittimeInformazioni Marittime

unitraco2
Armatori

Anche Msc Crociere è pronta a partire

Il managing director della compagnia, Leonardo Massa: "Attendiamo solo l'autorizzazione del governo. Abbiamo lavorato molto per garantire la salute di crocieristi ed equipaggi"

Leonardo Massa, managing director Italia di Msc Crociere

Con la conversione in legge del DL Semplificazioni, le crociere in Italia possono ripartire. Saranno itinerari di cabotaggio su scali italiani, prevedibilmente in partenza e arrivo nello stesso porto. Costa Crociere dovrebbe effettuare la prima partenza il 14 agosto da Genova, mentre Msc Crociere inizierà con due navi posizionate. «Msc Crociere è pronta a ripartire, attendiamo solo l'autorizzazione del governo che auspichiamo possa arrivare a breve», afferma Leonardo Massa, managing director Italia di Msc Crociere. «Abbiamo lavorato molto in questi mesi - continua - allo sviluppo di un protocollo per garantire la salute dei crocieristi e degli equipaggi, un protocollo già approvato dal Comitato Tecnico Scientifico che recepisce le normative europee degli Ue Healthy Gateways ma che assieme al nostro team di esperti internazionali abbiamo arricchito e potenziato».

Posizionare due navi, ha proseguito il managing director, è «un'operazione complessa, che comporta richiamare migliaia di persone e, voglio sottolinearlo, questa estate sulle nostre navi lavoreranno oltre mille marittimi italiani».

L'arrivo delle navi e dei turisti nei porti italiani, ha concluso Massa, «attiva un volano importante per l'economia di fornitura correlata che va dal lavoro portuale agli approvvigionamenti di cibi e altre materie prime dal territorio fino ad arrivare a tutto l'indotto legato al turismo. La crocieristica è un settore pesa per il circa il 3% del Pil nazionale, muove un fatturato di 45 miliardi di euro e occupa oltre 120mila addetti. Siamo uno dei comparti che maggiormente contribuiscono alla creazione di valore e di lavoro in Italia, siamo pronti a continuare a dare il nostro contributo in maniera concreta, sicura e sostenibile».