|
napoli 2
28 ottobre 2021, Aggiornato alle 14,00
intersped 2

Informazioni MarittimeInformazioni Marittime

unitraco2
Politiche marittime

Anche a Civitavecchia lo sportello unico amministrativo

È il secondo porto dopo Bari a implementare l'interfaccia digitale tra imprese e pubblica amministrazione. In questa fase iniziale copre 14 provvedimenti e le concessioni articoli 16, 17, 18, 36 e 68

Forte Michelangelo, sede dell'Autorità portuale di Civitavecchia (jpitha/Flickr)

Nel porto di Civitavecchia è arrivato lo sportello unico amministrativo, un front-office virtuale che, come stabilisce la riforma dei porti del 2016, è l'interfaccia unica per gli operatori che dialogano con la pubblica amministrazione. Il Comitato di Gestione dell'Autorità di sistema portuale del Tirreno Centro Settentrionale, presieduta da Pino Musolino, ne ha approvato oggi il regolamento. 

È il secondo porto, dopo quello di Bari, a implementare questo servizio digitale che, spiega Musolino, «agevola le imprese snellendo la burocrazia e certifica che la trasformazione digitale è indispensabile per accorciare i tempi, uniformare le richieste, avvicinare le imprese agli enti pubblici semplificando tutte le procedure amministrative, così come già fatto con altre iniziative che ho attivato sin dai primi giorni del mio mandato», afferma Musolino.

«Partiamo dopo l'AdSP di Bari - prosegue Musolino - e lo attiviamo su 14 procedimenti che riguardano principalmente le autorizzazioni e le concessioni come art. 16, 17, 18, 36 e 68, ci auguriamo che dopo un periodo di rodaggio riusciremo ad aggiungere altri procedimenti sino ad arrivare ai 131 previsti in origine. Ringrazio Assoporti e la struttura dell'Ente per il lavoro fatto e per aver stilato delle linee guida comuni ed uniformi a tutte le AdSP». 

In mattinata, prima della discussione degli argomenti all'ordine del giorno del Comitato di Gestione, c'è stato l'insediamento del nuovo Organismo di Partenariato Risorsa Mare con il suo «ruolo importante che rivest nel dare il proprio contributo nelle scelte strategiche di sviluppo dei porti di Roma e del Lazio», ha detto Musolino. Inoltre, è stato approvato all'unanimità il sistema di valutazione del rischio corruttivo.

Oltre al presidente dell'Adsp e al segretario generale, Paolo Risso, erano presenti i rappresentanti della Capitaneria di Porto di Civitavecchia, di Fiumicino e di Gaeta, il componente designato dalla Regione Lazio, Roberto Fiorelli, il componente designato dal Comune di Civitavecchia, Emiliano Scotti, e il componente designato da Città Metropolitana Roma Capitale, Pino Lotto. 

-
credito immagine in alto